Capuliare

 

Capuliare è un parola quasi onomatopeica, ovvero quella figura retorica che riproduce il rumore o il suono associato all’oggetto a cui si vuole fare riferimento mediante un procedimento iconico tipico del fonosimbolismo. Basta sentirla pronunciare, infatti, per riportare alla mente il mulinare delle braccia intente a rimescolare degli ingredienti. Carne, in questo caso, e nello specifico quella del macinato, che a queste latitudini è capuliato oppure non è. Incidentalmente, lo stesso movimento compulsivo e reiterato è stato declinato per descrivere un preciso atto di sopraffazione fisica: “vidi chi ti cumminu a capuliatu”, che letteralmente potrebbe essere tradotto con “ti riduco in poltiglia”.

Ma c’è chi si è spinto pure oltre: la fantasia del messinese spesso non solo non si ferma all’evidenza, ma travalica anche le intenzioni, arrivando a usare il verbo capuliare in un’accezione che mira al disfacimento dell’autostima di chi la subisce:Ma si pi rustiri o pi capuliari?”. Forma verbale di umiliazione ultima di chi non trova altre parole per esprimere il suo sdegno più autentico e viscerale.

 

guest

4 Commenti
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
CARMELA SIRACUSANO RAFFA
CARMELA SIRACUSANO RAFFA
19 Maggio 2017 5:41

molto interessante .vorrei SUGGERIRE A PROPOSITO DI CALIA L’ESPRESSIONE ALLASCA I MANI DU CALIATURI.aNCHE SE RITENGO CHE ALLASCARE SIA PIU’ CATANESE L’ESPRESSIONE VIENE USATA MOLTO DAI MESSINESI.

Claudio Marino
Claudio Marino
20 Maggio 2017 20:31

Cutuliari

sperticato
sperticato
31 Maggio 2017 9:38

A casa mia, “che ciolla vuoi?” si usa eccome.
Mi sorprende anche che a un linguista sia sfuggito che la ripetizione del termine produce una frase di chiara rivendicazione di mascolinita:”c’ho la ciolla!”