Parole con la M che esistono solo a Messina

 

Mulincianare 

 

In linguistica, uno degli esempi più abusati è quello della neve e degli eschimesi. Si tratta di una teoria proposta all’inizio del secolo scorso dall’antropologo Franz Boas, secondo il quale il vocabolario in uso nelle varie culture sarebbe fortemente influenzato dalle necessità e dagli interessi delle persone che se fanno uso. Così, mentre a un italiano può bastare un unico termine con cui identificare la neve, i popoli dell’estremo Nord, per i quali distinguerne le varie consistenze può rappresentare una questione di vita o di morte, di parole sono costretti a utilizzarne più di 50.

Vero o falso che sia (la questione è annosa), è quantomeno curioso pensare ai tanti lessemi che sono stati coniati per parlare della prevaricazione fisica a Messina, città in cui le sciarre indiscriminate hanno svezzato generazioni di ragazzi. Rimandando alla specifica lettera le infinite varianti delle tumpulate (a ntrasiri e nesciri, a specchio, a ntonacare, a sciddicapiatti, a sciddicamatuni…), e restando in tema “m”, si è deciso di sorvolare sul generico mmiscare per lasciare spazio al ben più raffigurativo mulincianare

Il riferimento all’ortaggio è palese. Anche se, più che alla forma o alla consistenza delle melanzane, il rimando è al loro tipico colore violaceo, prossimo al prugna: lo stesso pigmento a metà fra il cremisi e il rosso tiziano che possono assumere certi lividi quando le carcagnate sono di quelle che non ti scordi più.

 

 

Pagine:Pagina precedente 1 2 3 4 5 6 7

9
Lascia un commento

avatar
400
7 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
8 Comment authors
mmpippolipariGiovannaGiovanniAlfio Lanaia Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Sergio Todesco
Ospite
Sergio Todesco

very good!

Maria
Ospite
Maria

Mammafausa mi ha fatto ricordare di un gioco che facevamo da bambini forse era a “nascondino”?

Ivano Rotondo
Ospite
Ivano Rotondo

mi hai fatto ridere, bravo!
al prossimo giro mettici dentro anche “masticante”, un capolavoro senza tempo

pippolipari
Ospite
pippolipari

quoto! “masticante” è un capolavoro linguistico messinese doc!

Alfio Lanaia
Ospite
Alfio Lanaia

Mi sembra come minimo esagerato il sottotitolo (parole con la M che esistono SOLO (sic!) a Messina), dal momento che alcune parole (minarsela, manciaçiumi) sono almeno pansiciliane. In questi casi, invece di Wittgenstein, basterebbe un vocabolario dialettale per rendersene conto.

Giovanni
Ospite
Giovanni

“Milla” che bell’articolo!!

Giovanna
Ospite
Giovanna

Suffareddu. Lo dice sempre mia mamma ai miei figli. Ma chi aviti u suffareddu ‘nto culu? Per indicare la loro irrequietezza e l’ essere molto vispi.

Sciabbacheddu oltre per indicare il pesce, serve ad indicare la presenza in un luogo di ragazzini.
‘Nto viali oggi c’era un saccu i sciabbacheddu

pippolipari
Ospite
pippolipari

Grande Marino! …alla voce “minarsela” aggiungerei l’evocativo (e mai sentito altrove) “minarla alle bratte” (dicasi di azione inutile, inconcludente)