Rotino, Siracusano e Magazzini Piccolo

 

Sono stati, per decenni, i negozi più grandi e più particolari del viale San Martino. I Magazzini Rotino, dotati di una scala mobile, vendevano di tutto, dai vestiti alle stoffe, ai giocattoli. A seguire i clienti, sorridenti e gentili commesse, tutte rigorosamente in divisa. Un’altra particolarità di Rotino erano le vetrine, che si trovavano all’interno dell’androne del palazzo che lo ospitava: si trattava di veri e propri allestimenti all’insegna della creatività.

Siracusano, invece, era uno dei riferimenti per l’abbigliamento. Prima dell’ultimo restyling, cui seguì la chiusura, il negozio, su più piani, era caratterizzato da scale le cui pareti erano cascate d’acqua.

I Magazzini Piccolo, invece, nella loro “rude efficienza” erano un luogo trasversale dove l’alta aristocrazia borghese e i ceti più popolari si trovavano fianco a fianco in nome della convenienza. Negozio in cui si poteva trovare di tutto, prima del rifacimento precedente alla chiusura (che lo aveva snaturato), sembrava la scuola di Magia di Harry Potter, con tanti uomini che salivano e scendevano scale a pioli per recuperare dagli scaffali il prodotto richiesto, che poi veniva lanciato al commesso con singolare destrezza.

 

 

guest

1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Roberta
Roberta
23 Novembre 2019 17:16

Tutti i politici messinesi avrebbero dovuto aiutare queste *istituzioni* a restare aperti e continuare la tradizione dei messinesi e non solo…niente di tutto questo è accaduto.. .