MESSINA – “Il Coni è un Ente pubblico, ed è per questa ragione che ho deciso di essere io a recarmi nella sua sede, nonostante la disponibilità del delegato provinciale Alessandro Arcigli ad incontrarci presso il mio comitato elettorale. Ritengo che debbano essere i candidati a sindaco a recarsi dalle Istituzioni e non viceversa”.

Ha esordito così Antonio Saitta all’incontro con i rappresentanti del Coni di Messina, che si è svolto, appunto, nella sede di via S. Maria dell’Arco.

Un chiaro riferimento alle polemiche degli scorsi giorni dopo che un rappresentante del Coni veniva citato in un comunicato stampa di Dino Bramanti in cui si annunciava la presenza dell’Ente alla “pedalata per Messina”. Presenza che non c’è stata sabato mattina, mentre Vincenzo Nibali, che ha pedalato con il candidato del centrodestra, si è però smarcato politicamente da quest’ultimo: “Pedalo per Messina, non appoggio nessuno”, aveva detto Nibali.

Intanto il Coni continua il giro di consultazioni con i candidati sindaco in vista delle elezioni e oggi l’appuntamento era con Antonio Saitta, candidato di centrosinistra. L’esperto costituzionalista ha colto l’occasione per mettere i puntini sulle i, riguardo agli incontri tra politici e istituzioni, andando personalmente nella sede del Coni.

“Lo sport è un aspetto centrale della vita di una comunità – ha poi continuato Saitta- non solo come attività ludica, ma come strumento di integrazione sociale, soprattutto in una città come Messina, con periferie degradate, quartieri disagiati, in cui la pratica sportiva è fondamentale per favorire l’inclusione”.

Argomento principale dell’incontro il patrimonio edilizio sportivo comunale, che il delegato Arcigli ha definito “sufficiente, ma attualmente non fruibile nella sua interezza”.

“Le strutture comunali devono essere messe a norma- ha proseguito Saitta- e bisogna investire per avere plessi efficienti e sicuri. Il Comune dovrà quindi realizzare un ufficio di programmazione e progettazione per intercettate tutte le risorse europee, nazionali e regionali, fino ad oggi non intercettate, da indirizzare anche al settore sportivo. Da questo punto di vista credo che l’amministrazione debba dialogare con il Coni, le federazioni e le associazioni, penso ad una co-progettualità, affinchè i programmi da finanziare vengano presentati in tempi brevi e in modo efficace”.

Altro obiettivo importante illustrato questa mattina l’utilizzo delle strutture sportive già presenti all’interno delle scuole da parte delle federazioni. “Credo che la scuola debba aprire le porte allo sport- ha detto il candidato Sindaco del centrosinistra- non solo per gli studenti, ma per tutti coloro che vogliano usufruire delle palestre presenti all’interno dei plessi. Il Comune dovrà fungere da collante tra le direzioni scolastiche e le federazioni sportive- ha concluso- affinchè la scuola possa diventare un polo di integrazione concreta anche attraverso lo sport”.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments