MESSINA.  Si terrà il 28 agosto, a Piazza Municipio, la seconda edizione del “Vaccino party con Cateno De Luca”: l’iniziativa promossa dall’Amministrazione (di concerto con il commissario ad acta per l’emergenza Covid Alberto Firenze) per convincere i più “distratti” e i ritardatari a vaccinarsi contro il coronavirus. Ci sarà ovviamente anche il primo cittadino, che ha ricevuto la prima dose lo scorso 27 luglio, non ottenendo però grossissimo successo a livello di numeri (anzi, a giudicare dal tenore dei commenti sulla sua pagina si direbbe che abbia deluso una grossa fetta dei suoi elettori, evidentemente no vax convinti).

Malgrado le tante iniziative di sensibilizzazione promosse a livello territoriale, con open days a getto continuo, incentivi vari (qualcuno anche piuttosto bizzarro) e postazioni disseminate dovunque, il numero delle vaccinazioni giornaliere a Messina si è mantenuto piuttosto stabile (e basso) anche dopo l’entrata in vigore del Green pass, che ad altre latitudini ha determinato una vera e propria corsa al vaccino per ottenere il lasciapassare verde.

In data 23 luglio, nella città dello Stretto il numero dei vaccinati era pari al 51,6% (su un totale di oltre 220mila abitanti): un numero nella media rispetto agli altri comuni della provincia (49° posizione). Prima in “classifica” risultava essere Roccafiorita (il 100% di abitanti con prima e seconda somministrazione di vaccino) mentre ad avere la percentuale più bassa di vaccinati era Fiumedinisi (30,9%). (Qui la mappa comune per comune)

Il 28 agosto, si legge nella locandina dell’evento, saranno vaccinati coloro che si prenoteranno al numero 0909488007 (oppure 09022866), a partire dal 23 agosto, dalle ore 9, fino al raggiungimento del numero di 500 prenotazioni.

 

guest

1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Messinese stanco
Messinese stanco
19 Agosto 2021 10:49

Ai messinesi Cateno De Luca piace solo quando deve fare le restrizioni per gli altri. Poi, quando c’è da prendersi le responsabilità, non va più bene.
Evidentemente i messinesi preferiscono il lockdown.
Il fatto che sia proprio Fiumedinisi la città con meno vaccinati, la dice lunga. Chi semina ignoranza, raccoglie solo problemi.