MESSINA. Non ci sarà nemmeno il periodo di “interregno” per Luca Eller, dimissionario assessore al Bilancio del comune di Messina, che dopo le dimissioni di stamattina, si era dato dieci giorni di tempo per chiudere qualche partita prima di andare via.

Stasera, Renato Accorinti ha emanato un decreto sindacale, esonerando Eller dai dieci giorni “cuscinetto” e, di fatto, esautorandolo da ogni compito. Il “foglio di via” gli è stato notificato dai vigili urbani e, da domattina, Eller potrà entrare nel suo ufficio solo per impacchettare i suoi averi prima di chiudere definitivamente la sua avventura a palazzo Zanca.

Un epilogo amaro, che si è consumato dopo una mattina, quella del primo febbraio, in cui uno stupefatto Accorinti ha comunicato le dimissioni dell’assessore a margine della conferenza stampa di presentazione del piano dei servizi sociali. Nello stesso momento, nel “transatlantico di palazzo Zanca, Eller spiegava le sue motivazioni.

Il giorno prima, martedi 31, Eller non si era recato in giunta, per la seduta programmata da giorni, e non aveva risposto alle chiamate del sindaco, fermo nel suo proposito di dimettersi per incompatibilità ambientali con una certa parte di Cambiamo Messina dal basso, e guidato dalla convinzione di aver esaurito la sua funzione di “curatore”.

Già domani mattina stesso, Accorinti potrebbe nominare il successore. Tre nomi in ballo, al momento ovviamente top secret, tra i quali quello di una donna.

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
emmeaics
emmeaics
2 Febbraio 2017 10:06

come è arrivato se ne è andato. dal nulla!