MESSINA. “Non revoco l’ordinanza”. Nonostante il parere del Consiglio di stato che sollecitato dal ministero dell’Interno, che ha dichiarato nulla l’ordinanza 105 del 5 aprile emessa dal sindaco di Messina, che istituiva una banca dati per monitorare il flusso di passeggeri diretti in Sicilia, Cateno De Luca non molla, e dichiara “ancora in vigore” la sua ordinanza per cui per attraversare lo Stretto di Messina ci si deve registrare alla banca dati.

“L’ordinanza del sindaco De Luca è valida”, ha ribadito una ventina di volte il sindaco, spiegando che perhè sia valida la revoca, c’è bisogno che questa sia presa dal consiglio dei Ministri.

“Non ci fermiamo, verificheremo la possibilità di fare ricorso, io continuerò a fare rispettare l’ordinanza con la mia polizia municipale, fino a quando non ci sarà il provvedimento finale, cioè la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto del presidente della Repubblica che recepisce la decisione del consiglio dei ministri di annullare l’ordinanza”.

guest
7 Commenti
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Igor Forgione
Igor Forgione
8 Aprile 2020 12:32

Sindaco ormai il suo è un delirio !
In Italia si sta ragionando sulla fase 2.
Il picco è stato raggiunto ..
Servono le mascherine, il distanziamento sociale, etc etc
Lei ha lo stipendio di onorevole …
La società deve ripartire, Do You understand ??

emmeaics
emmeaics
8 Aprile 2020 13:49

il piccolo sindaco, politicamente eh, ormai è chiaro che cerca l’incidente, vuol passare per eroe, per il salvatore della Sicilia che per respingere gli untori si è fatto arrestare. Un buon viatico per candidarsi alla presidenza della Regione!

Siciliano stanco
Siciliano stanco
8 Aprile 2020 14:13

Io sono contro De Luca, senza se e senza ma (usando le sue parole). Tuttavia ha ragione, il Consiglio di Stato ha espresso un parere su richiesta del Ministero. Tocca al Ministero comunicare l’annullamento dell’ordinanza. Gli articoli sono sbagliati: il Consiglio di Stato non “ha annullato” nulla e l’ordinanza non è nulla “secondo De Luca” ma secondo la legge. La speranza è che lo destituiscano 😉

Alessandro Grussu
Alessandro Grussu
8 Aprile 2020 16:12

Io invece spero che non venga destituito, non perché sia a suo favore (tutt’altro), ma perché in tal caso farebbe di se stesso un martire, e a quel punto, chi lo ferma più?

petrus
petrus
8 Aprile 2020 14:37

Benvenuti nel sultanato indipendente di Catenolandia…

messinese stanco
messinese stanco
8 Aprile 2020 14:53

Ormai è chiara – e direi anche prevedibile – la strategia di Cateno De Luca: buttarla in caciara, proporre ordinanze illegali e fare la vittima per fare ancora più caciara. Ma la vera Politica i problemi deve affrontarli e – possibilmente – risolverli, non crearli: ai tempi Buzzanca chiese poteri speciali al Governo? Perché lui non è in grado? Ammette la sua inconsistenza fuori Messina?

Salvatore
Salvatore
8 Aprile 2020 20:28

il problema oltre a de luca e i giornali che lo appoggiano senza dare informazione e i cittadini greggi di pecoroni convinti come a lui