MESSINA. Un misto di esperienza (ultraventennale) e primi passi nella politica, e di attivismo sul territorio e presenza negli apparati politici: i due nuovi assessori della giunta di Cateno De Luca, Francesco Gallo e Laura Tringali, rispettivamente a Sport e spettacoli e Scuola, rappresentano due mondi completamente differenti. Ecco quali

Francesco Gallo, attuale consigliere d’amministrazione dell’Atm Spa, incarico dal quale darà le dimissioni, è avvocato dal 1994 e patrocinante in cassazione dal 2010, ma soprattutto è stato assessore nella giunta di Francantonio Genovese da inizio 2006 a luglio 2007, con le deleghe allo Sport , turismo, cultura, politiche giovanili e comunicazione istituzionale. Gallo si è dimesso da assessore per diventare il presidente della Polisportiva CIttà di Messina, la famigerata partecipata che di fatto non ha mai funzionato, non aveva una sede, ma per anni ha pagato stipendi al consiglio d’0amministrazione.

Politicamente, come ha ricordto il sindaco Cateno De Luca ieri, all’atto della sua presentazione, Gallo è un democristiano di lunghissimo corso. “Mi sono battuto perchè fosse eletto delegato provinciale del movimento giovanile della Dc messinese“, ha raccontato ieri il sindaco. Che con Gallo ha anche un rapporto professionale al di fuori dalla politica. Il suo nuovo assessore, infatti, in qualità di avvocato ha patrocinato il Caf-Fenapi, l’azienda di cui De Luca è stato direttore generale fino all’elezione alla Regione nel 2017. Ma Gallo è stato anche segretario provinciale del Pd nel 2010. Nel suo curriculum anche tre anni da consulente del consiglio di giurisdizione della Camera dei deputati, esperto del comune di Pace del Mela, e del comune di Messina e della Provincia regionale per un progetto sulle politiche giovanili, entrambe le volte chiamato da Turi Leonardi.

Una curiosità: si deve a Gallo, in qualità di assessore allo Spettacolo del Comune, l’arrivo a Messina dei grandi concerti, con quello di Vasco Rossi nel 2007: la sua designazione potrebbe significare un ravvedimento rispetto alle posizioni del suo predecessore Pippo Scattareggia, che con l’avallo del sindaco De Luca, aveva invece fatto migrare verso Catania due dei grandi eventi che si sarebbero dovuti tenere al San Filippo nel 2021. 

Molto meno nutrito, politicamente parlando, il curriculum di Laura Tringali, la cui unica esperienza politica a Messina sono i 104 voti presi nella lista “De Luca Sindaco di Messina alle amministrative del 2018: una lista diversa da quella “La svolta per De Luca sindaco” in cui hanno partecipato alle amministrative tutti gli assessori della giunta 1.0.

Dal punto di vista professionale Laura Tringali, laureata in lingue e letterature straniere all’università di Messina, è dirigente scolastico dal 2008 e dal 2019 preside dell’alberghiero Antonello, uno dei più dinamici istituti superiori cittadini, ruolo che succede a quello di dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Santa Margherita di Giampilieri (Scuola Polo di formazione Rete di Ambito XIIi Messina). Le informazioni reperibili sul suo profilo LinkedIn parlano di Delegato Nazionale e Vicepresidente Anp (associazione nazionale presidi) Regione Sicilia, esperienza in coordinamento e progettazione di corsi rivolti a personale scolastico, progettazione PON Fse Fesr, esperienza di conduzione di gruppi, attività di formazione D.. Leg.vo 81/08, corsi di formazione su metodologie didattiche innovative, gestione della classe.

Molto attiva nelle iniziative collaterali a quelle scolastiche, specie sul territorio, Laura Tringali nel 2017 è stata la firmataria, insieme a 41 colleghi, di una lettera aperta contro la festa di Halloween, “per la difesa delle tradizioni siciliane”.

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
messinese stanco
messinese stanco
4 Agosto 2020 13:36

Alla faccia della novità! Che vergogna…