MESSINA. A distanza di una settimana, arriva la seconda parte dello scontro a distanza tra il sindaco di Messina Cateno De Luca, ed il candidato alle europee Saverio Romano, politico palermitano di lunghissimo corso. Sabato scorso, l’annuncio di una querela, da parte di Romano e a carico di De Luca, per un video di quest’ultimo in cui, sosteneva il palermitano, “in modo grave e diffamatorio, ai limiti della calunnia, si è permesso di accostarmi ad un sistema anzi ad una cupola di “pupi e pupari” da cui lui vorrebbe liberare la Sicilia. Avrà modo di spiegarne le ragioni innanzi alle autorità competenti”.

Oggi De Luca torna sull’argomento: “Comprendo che Saverio Romano nel vano tentativo di non cadere nell’oblio della sconfitta elettorale continua ad abusare del mio nome, strombazzando continuamente in ogni dove di avermi querelato. Preciso che non temo la querela del buon Romano. Ritengo altresì più gravi i suoi messaggi su whatsapp a tutto il mondo inviati  sabato 25 e domenica 26 fino alle ore 22:00 per aggraziarsi il voto per la sua persona. Dunque la smetta nel vano tentativo di trasformare le vittime in carnefici e viceversa, di un sistema politico tentacolare del quale è sempre stato un brillante rappresentante”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments