Una coperta da guinness. Questo è lo scopo dell’associazione Berta Filava: “Battere il primato dei lombardi e srotolare la coperta lungo la nazionale di Santa Teresa”, spiega la promotrice, Teresa Brancato. È lei che dieci anni fa ha aperto il primo smistousato della zona, un punto dove portare la lana già usata e riciclarla: “Quella in buone condizione la doniamo a persone che he hanno bisogno, il resto lo lavoriamo per riutilizzarlo: togliamo bottoni e cerniere per esempio e diamo la lana ai canili. Abbiamo più di ventimila bottoni”. Due punti, uno a Furci e un altro a Santa Teresa “grazie a Cateno De Luca che ce lo ha offerto”, ci tiene a sottolineare Brancato. Dopo dieci anni di intensa attività nel riutilizzo e nell’aiuto dei più bisognosi, un nuovo obiettivo: “Ero a Milano, sui navigli, quando ho saputo del record lombardo, e mi sono detta che noi potevamo fare anche di più. Lavorano giorno e notte, una ventina di donne per batter il guinness di 3330 metri di lunghezza: “Dovremmo farcela entro agosto, adesso dobbiamo reperire almeno 700 metri di lana ma ce la faremo”.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments