MESSINA. Solo poche ore dall’annuncio dell’istituzione di una spiaggia per nudisti nel Comune di Messina (individuata a Capo Rosocolmo, a San Saba) e già arrivano le prime polemiche. A commentare negativamente la decisione assunta dal Consiglio Comunale è il Comitato Messina Nord, che già questa estate aveva manifestato la propria contrarietà (Comitato Messina nord: “Spiaggia nudisti? No, luogo dove scambisti, gay, lsg, danno il meglio di sé”)

Oggi colgono la palla al balzo per tornare sull’argomento con un post Facebook: «Spiaggia nudisti montagne di sabbia. Perché non farla nella terrazza di qualcuno? – scrivono con tono provocatorio – Questo pezzo di mare, con le sue rocce simili a piccoli faraglioni tra le spiagge d’orate di San Saba e Acqualadrone, dovrà diventare un punto d’interesse turistico, magari anche bandiera blu, ma mai più bandiera “a luci rosse”».

«Se si vuole creare una spiaggia per “nudisti” (no di zozzerelloni) che venga individuato un punto lontano dalle abitazioni, dalle famiglie e magari con un’unica via d’accesso – scrivono – Poco importa che da 50 anni questa spiaggia è stata etichettata su molti siti e motori di ricerca come spiaggia nudista, ora è arrivato il momento della svolta».

In realtà, Capo Rosocolmo non è vicino alle abitazioni, ma è situato oltre quella porzione di spiaggia conosciuta come “Montagne di sabbia”, quindi fisante dalle famiglie e con un’unica via di accesso, possibile da raggiungere solo dopo aver percorso un po’ di strada a piedi.

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
emmeaics
emmeaics
6 Dicembre 2021 9:58

spiagge d’orate apperò immagino la puzza!