MESSINA. “Chiudi la scuola, apri la scuola”. L’incertezza degli ultimi giorni ha, infatti, portato molti studenti ad assentarsi al primo giorno in classe del 2022. La via dell’assenteismo è stata intrapresa dagli studenti dell’istituto nautico “Caio Duilio” e da quelli del tecnico “Verona Trento”. Il motivo della protesta? La mancanza dei controlli per prevenire l’infezione sui mezzi di trasporto e la paura delle famiglie a mandare i propri figli a scuola. Nel mentre, l’istituto nautico sta organizzando delle iniziative con l’asp per la vaccinazione: il 25 gennaio la scuola vedrà installazione di un hub vaccinale. Secondo la dirigenza del “Verona Trento” gli studenti torneranno in classe già da domani, 18 gennaio. Nelle altre scuole superiori di Messina, invece, le lezioni in presenza sono riprese normalmente, nonostante qualche assente e alcune difficoltà a garantire una modalità mista e l’erogazione del diritto allo studio a distanza anche per gli studenti che sono in isolamento. Normalità, o quasi, è quella che si respira tra i banchi delle scuole elementari e medie: anche qui molti studenti in quarantena non hanno avuto la possibilità di seguire le lezioni a causa dei pc scolastici non funzionanti. Importante è anche la sospensione delle mense scolastiche. Servizio che dovrebbe essere garantito dal comune. L’assessore Francesco Gallo ha dichiarato prontamente che il servizio mensa ripartirà da domani. In attesa di nuove forniture, le mascherine FFP2, che dovrebbero essere garantite al personale scolastico, sono state consegnate soltanto agli insegnanti di sostegno. 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments