fusilli alla rucola

È la seconda settimana che noi di primi veloci siamo ospiti di lettera Emme, e a questo dovrai abituarti. Si tratta infatti di una rubrica settimanale, che intendiamo alimentare con tantissime ricette sfiziose e veloci. Primi piatti da leccarsi i baffi.

La scorsa settimana, abbiamo portato in tavola un risotto pere e pecorino. Oggi invece si cambia repertorio, si passa alla pasta. Più precisamente, a degli ottimi fusilli.

Come sempre, anche se la domenica dovremmo avere più tempo, si tratta di una ricetta semplice e veloce. Insomma, qualcosa di adatto a chi, come me e Giovanni, deve districarsi ogni giorno tra clienti, fatture, mail, riunioni e tutto quello che concerne il mondo dei freelance.

Sì, noi di primi veloci (Giovanni Amato e Marialuisa Sanfilippo), non siamo affatto dei cuochi. Siamo dei consulenti in digital marketing. Ma questa è un’altra storia, oggi si parla di buon cibo.

Chiusa quest’ultima parentesi direi di gettarsi a capofitto nella ricetta di oggi: il pesto di rucola.

Ingredienti per il pesto di rucola

pesto di rucola

La ricetta di oggi prevede, come sempre, pochi ingredienti di stagione.

Alcuni di questi sono reperibili persino delle dispense più disorganizzate, altri dovrai selezionarli accuratamente, quando farai la spesa.

Scegliere ingredienti di ottima qualità, è ciò che renderà eccezionale il sapore di ogni tuo piatto. La qualità delle materie prime che usi è imprescindibile per ottenere piatti eccellenti. Detto questo prepara il tuo piano di lavoro, e disponi i seguenti ingredienti:

  • un mazzetto di rucola
  • una manciata di mandorle tostate
  • 30 gr di ricotta salata
  • olio extravergine d’oliva
  • uno spicchio d’aglio rosso di Nubia

Non mi preoccuperei molto delle dosi, in quanto, a suggerirti il giusto equilibrio di sapori sarà il tuo gusto personale.

conservare il pesto di rucola

Ami la ricotta salata? Aggiungine anche 50 grammi.

Se la salsa che preparerai sarà abbondante, non preoccuparti minimamente. In cucina non si butta via niente! Potrai congelare il pesto in eccedenza in un bicchierino di plastica, coperto da pellicola. In questo modo ti riserverai la possibilità di un sugo pronto, handmade, per quella volta in cui non avrai nemmeno quei dieci minuti di tempo. Noi facciamo così. Provare per credere.

Aglio rosso di Nubia: perché sceglierlo?

aglio-rosso-di-nubia

Tipico per il colore rossastro delle tuniche dei suoi bulbilli, l’aglio rosso di Nubia appartiene ai presidi Slow Food Sicilia. Si coltiva in terreni asciutti, scuri e argillosi circondati dalle saline. Ci troviamo in Sicilia occidentale, all’interno della Riserva Naturale Orientata Saline di Trapani e Paceco. Questa varietà di aglio viene coltivata anche nei comuni di Trapani, Erice, Buseto Palizzolo, Valderice e di Marsala.

Il suo aroma è leggermente più intenso dell’aglio comune, grazie al suo contenuto di allicina, superiore alla media. Quindi, ti suggerisco di usarne solo uno spicchio.

Il Presidio Slow Food, ha riunito i produttori di questa particolare varietà di aglio (tutti molto piccoli) sulla base di un disciplinare di produzione comune e di un marchio che garantisca la provenienza e la qualità dell’aglio. Si tratta, infatti, di un prodotto riconoscibile e tracciabile. Quanto al sapore, è da provare. Ecco perché ti consiglio di usarlo in questa ricetta.

Preparazione dei fusilli al pesto di rucola

fusilli al pesto di rucola

Per preparare in un battibaleno i fusilli al pesto di rucola, la prima cosa che dovrai fare è mettere la pentola sul fuoco. Accendi il fornello e inizia a scaldare l’acqua. Aiutati con un timer per tenere il tempo di cottura della pasta, che verificherai direttamente sulla confezione.
Recupera il mixer. Per il piatto di oggi sarà uno strumento indispensabile, che accorcerà notevolmente il tempo di preparazione del pesto. Diversamente dovresti usare un mortaio. Il risultato finale sarebbe davvero poco diverso.
Metti nel bicchiere del frullatore a immersione la rucola, un filo d’olio, le mandorle, la ricotta e lo spicchio di aglio rosso di Nubia.
Suggerimento Aggiungi un mestolo di acqua di cottura della pasta, per agevolare il lavoro al mixer.
Frulla bene, tutto insieme, per un paio di minuti. Otterrai una crema densa, di un colore verde intenso e dal sapore leggermente piccante, ma delicato. Assaggia e stupisciti. Volendo, puoi aggiungere più o meno ricotta salata, in base al tuo gusto, e continuare a frullare.
Il timer segna pochi minuti al raggiungimento del tempo di cottura della pasta. La salsa è pronta e abbondante. Non ti rimane che scolare la pasta, e farla convolare a nozze con il condimento che hai preparato.
Per farlo, usa la pentola in cui hai cotto la pasta. In questo modo non sporcherai altri contenitori, e il calore sarà utile a far amalgamare bene il tutto. Non ti rimane che impiattare e servire.

Un tocco di creatività nel piatto

Quello che ti occorre, a questo punto, è un pizzico di fantasia. Per regalare al piatto un aspetto invitante, accosta sul bordo del piatto delle foglie di rucola fresca, e delle scaglie di ricotta salata.

Per finire, il top è cospargere il piatto con della ricotta salata grattugiata. Adesso ti attendono solo i complimenti dei commensali.

Hai realizzato, in pochissimo tempo, un piatto sano, bello e dal sapore indimenticabile.

Vieni a trovarci su primiveloci.it

SEGUI-PRIMI-VELOCI.IT

Come dicevamo all’inizio, il pesto non è solo quello alla genovese. Grazie al mixer e a un tocco di creatività puoi creare in soli 10 minuti dei primi piatti incredibili, utilizzando pochi e semplici ingredienti.

Su Primiveloci.it io e Giovanni abbiamo raccontato per te diversi modi di fare pestati: dal pesto di zucchine, o melanzane, fino al pesto di ravanello.

Se hai apprezzato la ricetta, potresti venire a trovarci e scoprire il nostro ricettario. Una guida pratica in cui scoprirai tante preparazioni che ti torneranno utili, oltre a informazioni interessanti sugli ingredienti che ti suggeriamo di usare.

Apprezziamo il cibo slow, come l’aglio rosso di Nubia o il pistacchio di Bronte, perché siamo convinti che la preparazione di un buon primo piatto (anche quando vai di fretta) dipenda, in buona parte, dalla scelta delle materie prime necessarie per cucinarlo.

Quindi scegli bene gli ingredienti, e sarai già a metà dell’opera. Alla prossima domenica, qui su Lettera Emme, ma se vuoi seguici, a partire da domani, sul nostro sito web, e sui canali social ufficiali (Facebook e Instagram). Troverai nuove idee e molti spunti per una cucina semplice e veloce. Are you ready? 😉

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments