MESSINA. L’ex sindaco di Messina e parlamentare nazionale Francantonio Genovese, il cognato ed ex deputato regionale Franco Rinaldi, e gli ex consiglieri comunali Pippo Capurro e Paolo David sono stati assolti dall’accusa di associazione a delinquere perchè il fatto non sussiste. E’ la decisione della Corte d’appello del tribunale di Messina che riforma profondamente quella di primo grado, anche per la sopravvenuta prescrizione dei reati elettorali, e pone fine all’inchiesta “Matassa”, l’operazione del 2016 che aveva svelato commistioni tra mafia, politica e criminalità organizzata con riferimento in particolare a tre campagne elettorali tra il 2012 e il 2013.

Sono stati assolti Baldassarre Giunti, Giuseppe Picarella, Pietro Santapaola, Rocco Richichi, Vincenza Celona, Gaetano Freni, Francesco Zuccarello, Lorenzo Papale, Antonino Lombardo, Vincenza Celona, Paola Guerrera, Francesco Perrello.

In primo grado nell’ottobre 2019 le condanne furono trentanove, in secondo grado ridotte a 22: a resistere davanti alla corte d’appello le condanne per Giuseppe Cambria Scimone a 10 anni, Francesco Celona a 4 anni e 6 mesi, Giovanni Celona 11 anni e 10 mesi, Antonio Chillè un anno e sei mesi, Fortunato Cirillo 10 anni, Francesco Comandè 6 anni, Andrea De Francesco 7 anni, Francesco Foti 7 anni, Lorenzo Guarnera 10 anni, Salvatore Mangano 10 anni, Raimondo Messina 22 anni in continuazione con altre sentenze, Massimiliano Milo 3 anni e 6 mesi, Rocco Milo 3 anni e 6 mesi, Gaetano Nostro 16 anni e 6 mesi, Giuseppe Pernicone 7 anni e 4 mesi, Adelfio Perticari 10 anni, Salvatore Pulio 10 anni, Francesco Tamburella 7 anni e 6 mesi, Concetta Terranova un anno e 10 mesi, Domenico Trentin 10 anni, Carmelo Ventura 13 anni e Giovanni Ventura 10 anni.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments