MESSINA. Delle procedure semplificate per l’istituzione del canone unico patrimoniale di occupazione del suolo pubblico e di esposizione pubblicitaria e mercatale. E’ quanto chiede il consigliere comunale Nino Interdonato con un’interrogazione al sindaco Cateno De Luca, premesso anche che “a causa della pandemia da Covid 19, l’utilizzo degli spazi esterni a corredo delle attività di ristorazione, è oggi fortemente consigliato rispetto all’utilizzo degli spazi interni”.

Già il 25 maggio 2020, il consigliere Interdonato aveva inviato all’amministrazione una nota in cui suggeriva un iter semplificato per le istanze di occupazione suolo. “Suggerimenti da lei accolti e prontamente ratificati con delibera, i cui effetti sono scaduti il 31 dicembre 2020”, scrive al sindaco.

“Il 26 gennaio 2021 il Consiglio Comunale ha adottato la delibera ”istituzione del canone Unico patrimoniale di occupazione del suolo pubblico e di esposizione pubblicitaria e mercatale” – continua Interdonato – proposta dall’Assessore Musolino, composto da un unico articolo di istituzione del canone stesso, e rimandando alle successive settimana la sottoesposizione al Consiglio Comunale del regolamento completo di cui ad oggi non si hanno notizie”.

“Il Governo in queste ore sta elaborando i criteri di riapertura di bar e ristoranti, riservando una corsia preferenziale a quei locali che possono somministrare alimenti e bevande all’aperto”, evidenzia il consigliere comunale, che quindi interroga il sindaco Cateno De Luca per sapere se è sua intenzione  dare immediato sostegno alle imprese del mondo della ristorazione, attuando nuovamente le semplificazioni”.

Le semplificazioni riguarderebbero:

  1. Procedura semplificata per rilascio occupazione suolo per l’installazione di soli tavoli, sedie e ombrelloni: Presentazione istanza mezzo pec, con possibilità di occupare il suolo il giorno stesso di presentazione della stessa, fatti salvi i successivi controlli da parte dei Dipartimenti comunali competenti;
  2. Possibilità di occupare il suolo in via temporanea all’interno di isole pedonali sperimentali, od in alternative vie secondarie interdette temporaneamente al traffico, proposte rispettivamente da :Circoscrizioni, Consiglio Comunale, Giunta Comunale, dai commerciati sia in forma associata che singola. Tali spazi pedonali dovranno essere presidiati da  agenti di polizia municipale coadiuvati dagli ausiliari del traffico.
  3. Per le concessioni cd. “complesse”, ovvero installazione di dehors, chioschi e gazebo, sia permanenti che definitive, previste dalla art.5 comma 2 lett.a e lett.b, ridurre i tempi di rilascio rispettivamente da 120 gg a 30 gg, e da 45gg a 15gg; decorsi tali termini le concessioni sono da intendersi rilasciate.

Con l’occasione, inoltre, chiede notizie in merito al regolamento “istituzione del canone Unico patrimoniale di occupazione del suolo pubblico e di esposizione pubblicitaria e mercatale” , ad oggi composto da un solo articolo, istitutivo del tributo stesso, e di cui da oltre 3 mesi si attendono i successivi articoli.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments