MESSINA. Messina entro la fine del 2022 sarà dotata di quasi ottanta colonnine per la ricarica delle macchine elettriche. È il progetto per contribuire allo sviluppo e supportare la crescita della mobilità elettrica su tutto il territorio comunale al termine del quale si installeranno, grazie a partnership con Enel, Becharge e Duferco, 40 nuove colonnine di ricarica. Installazioni che si aggiungeranno alle 38 già funzionanti per servire le auto elettriche e ibride cittadine, che nel 2021 hanno superato quota duemila.

Lo 0,14% delle auto che circolano a Messina infatti, sono elettriche. A queste si aggiunge l’1,8% di ibride a benzina e lo 0,10% di ibride a gasolio, che anche se in quantità diverse, usufruiscono delle colonnine di ricarica. Nel dettaglio secondo i dati aggiornati al 2021 e pubblicati dall’Automobile Club Italia (ACI) su oltre 146mila autovetture circolanti a Messina, 205 sono ad alimentazione elettrica. Numeri che superano di gran lunga il trend seguito negli ultimi anni, quando si è partiti dallo 0,01% di vetture elettriche del 2018 (22 autoveicoli), passando per una lieve crescita negli anni successivi fino al boom del 2021 con un netto aumento di macchine elettriche, passate dalle 84 del 2020 alle 205 dell’anno successivo.

Da dove arriva l’aumento del numero di macchine elettriche in città? Complici della “svolta green” dei messinesi sono sicuramente gli incentivi statali e l’installazione di nuove colonnine per il rifornimento delle autovetture che hanno cominciato a popolare la città già nel 2019. Ma le installazioni, così come i ricavi delle ricariche, non sono gestiti dal comune, che offre solo un “servizio” e lo spazio per montare le stazioni. Infatti le colonnine sono state create tramite finanziamenti diversi. Dei 38 punti di ricarica di EnelX già attivi sul territorio, 33 sono stati installati attraverso un protocollo d’intesa con il comune, 3 sono ad uso pubblico ma installate sul suolo di aziende partner (Ald, Conand e Mercedes) e per 2 si tratta di JuicePump EVA+, un progetto di Enel sostenuto da alcuni brand automobilistici e co-finanziato dalla commissione Europea. A quelle già presenti entro la fine del 2022 se ne aggiungeranno 33 installate da BeCharge (gruppo Eni) e 7 finanziate dalla Regione, per un totale di 78 colonnine sparse per la città, che potranno caricare in tutto 156 vetture contemporaneamente e che si differenzieranno per potenza e prezzo di ricarica (che dipende dal gestore). 

Dove sono le colonnine di ricarica? Le già attive, in genere una o due postazioni, vanno da Torre Faro a Tremestieri lungo tutta la città. Le nuove andranno a coprire le zone scoperte e a rafforzare quelle già fornite di colonnine a partire dal punto EnelX che verrà installata allo svincolo di Giostra, per passare dalle quindici stazioni BeCharge che andranno dal parcheggio dello Stadio Scoglio al lungomare di Rodia, finendo per i punti di ricarica dei parcheggi di interscambio cittadini.

Visualizza a schermo intero

 

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments