MESSINA. Torna in aula, giusto per essere bocciata, la delibera di affidamento a MessinaServizi Bene Comune dei servizi di igiene ambientale, atto amministrativo che detiene il record di otto cadute consecutive del numero legale durante la sua discussione.

Dieci minuti di seduta, dopo un mese e mezzo di discussioni inconcludenti, e la delibera è bocciata con 11 favorevoli, sette contrari e dieci astenuti sui 28 presenti. Come hanno votato i consiglieri?

Abbate si, Adamo astenuto, Amata astenuta, Barrile astenuta, Caccamo si, Cardile si, Carreri no, Crifò astenuta, De Leo si, Faranda no, Fenech si, Gennaro si, Iannello astenuto, Interdonato no, La Paglia no, Pagano si, Parisi astenuto, Rella si, Risitano si, Russo no, Santalco astenuto, Scuderi astenuta, Sindoni astenuta, Sorrenti no, Sottile astenuto, Trischitta si, Vaccarino si, Zuccarello no.

Alla lettura del “verdetto”, in aula è calato il silenzio. Anche tra i dipendenti di Messinambiente, che adesso vedono il loro futuro in bilico, mutismo ed incredulità. Per mezzo minuto. Poi sono partiti gli insulti. Di disprezzo, più che di rabbia. Quella scoppierà nei prossimi giorni.

 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments