MESSINA. Non c’è riuscita l’Unione europea, ma il Giudice di Pace di Messina si: il colosso di Mountain View in California è stato condannato a pagare. Venticinque dollari, poco più di 22 euro, che Google Payment Ltd dovrà restituire al messinese M.G., che aveva aperto il proprio account Google Wallet, e non aveva avuto la possibilità di utilizzare.

Dopo la “chiusura ingiustificata” del proprio account di distribuzione sul play store Google, il messinese ha chiamato in causa la società. Assistito dal suo legale, Andrea Caristi (anch’egli messinese), ha citato il colosso in base al “procedimento europeo per le controverse di modesta entità”. Al giudice ha chiesto di dichiarare l’inadempienza contrattuale per “sospensione ingiustificata” del suo account, chiedendo la restituzione dei 25 dollari versati, oltre al risarcimento dei danni per l’impossibilità di continuare a vendere i suoi prodotti su Google Play.

Google Payment Ltd si è costituita in giudizio, sollevando numerose eccezioni di giurisdizione e asserendo la competenza del tribunale di Santa Clara (California) o del Regno Unito (Galles). Per la società, inoltre, l’inadempienza contrattuale da cui era derivata la chiusura dell’account Wallet era stata commessa dallo stesso M.G. in violazione del contratto di distribuzione per gli sviluppatori di Google Play “per essersi connesso – spiega il giudice ricostruendo la vicenda – a un account in violazione, nonché per averne tentato la riapertura”.

Il giudice di pace ritenuta la sua competenza e giurisdizione, però, ha condannato il colosso a restituire a M.G. 25 dollari oltre al pagamento delle spese legali.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments