MESSINA. Stasera, sabato 14 Maggio alle ore 22.30, dopo circa dieci anni dall’ultimo concerto tornano sul palco del Retronouveau le Iotatola. Band al femminile palermitana composta, principalmente, da Simona Norato e Serena Ganci intorno al 2010, entrambe eccellenti musiciste dall’ indole opposta, in quanto la prima, laureata in Medicina, è una polistrumentista underground dalla formazione prettamente indie rock, mentre la seconda ha un anima Jazz ed una robusta esperienza nei live pub di Parigi, capaci di miscelare incredibilmente alla perfezione i loro stili in delle vere e proprie “canzoni all’ uncinetto elettrico”.

Il nome del loro progetto, Iotatola, altro non è se non la versione traslitterata dell’espressione “io da sola” pronunciata spesso da una bimba di quattro anni, figlia di amici in comune, e scelta dalle due come forma ed icona di emancipazione femminile. Conosciutesi per caso durante il Musicultura 2010, vinto proprio da Serena Ganci che per eseguire il brano “Addio” ha proposto a Simona di suonarlo insieme, pubblicano il loro primo album “Divento Viola” nel 2011 affermandosi immediatamente tra le migliori proposte indipendenti allora in circolazione, e ricevendo l’invito alla Targa Tenco.

Rullante, timpano, tamburo e piatti da un lato, chitarra, grancassa e pianoforte dall’ altra, per un disco segnato da motivetti dolci ed accordi graffianti, un incrocio tra Frank Zappa e i White Stripes, con delle sfumature alla Donatella Rettore e dei testi con chiari riferimenti allo stile di Elio e le storie Tese, contente brani dalle parole audaci ed ironiche che raccontano le storie agrodolci di due ragazze, simpatiche e distratte, capaci di arrivare ad essere spietate, nell’ amore e nelle storie di tutti i giorni.

Ribaltano tutti i clichè e danno voce ad una generazione, quella dei neo trentenni di allora, non più schiava degli stereotipi imposti dalla società, orfana di principi azzurri in cui tutto va affrontato con una grande dose di autoironia e senza mai dimenticare i propri sogni. Serena Dandini le invita alla trasmissione “Parla con me” consacrando così l’inizio di un lungo tour italiano. In quegli anni, inoltre, sono state anche tra le fondatrici de L’Arsenale, la prima federazione della musica e delle arti, con l’intento di reinventare un certo tipo di cultura in Sicilia.

Nel 2014 arriva il loro secondo disco “Iodasola”, dalle sonorità decisamente più pop, il cui filo conduttore è rappresentato dalla trasformazione in tutte le sue forme. Gli anni a seguire hanno visto Simona Norato impegnata nell’ alternarsi di una carriera da solista, con due album in atto, alternata alla collaborazione con Antonio Dimartino, con cui ha suonato diverse volte al Retronouveau di Messina, con Cesare Basile ed con Iosonouncane, con il quale è attualmente impegnata nella band che lo accompagna nel tour IRA. Serena Ganci, anche lei protagonista più volte sul palco del Retronouveau, invece ha continuato a dedicarsi al progetto, e ai suoi dischi e progetti da solista jazz, cominciando anche un’importante sodalizio con la regista Emma Dante, e non solo, andando in scena come performer e compositrice, cosicché le sue musiche sono state eseguite nei più prestigiosi teatri italiani ed anche in qualche film, ed attualmente insegna canto alla scuola dei mestieri dello spettacolo del Teatro Biondo di Palermo.

Due ragazze, due donne, dalla forte personalità, grinta e voglia di rivoluzione, attente da sempre alle tematiche sociali, alle battaglie dei nostri tempi, ispirate da sin dall’ inizio della loro carriera da una donna altrettanto rock come Nada, che hanno basato la loro voglia di fare musica ed il loro stile comunicativo sul cantautorato italiano di rottura degli anni ’60, mixandolo alla parte più estrema di quello contemporaneo che è rifiorito negli ultimi anni , al french-pop visionario degli anni ’70 e agli ipnotici jingle televisivi delle pubblicità. Dopo una sorprendente reunion natalizia nel Dicembre 2021, a Palermo, con ben due date sold-out ai Candelai, tornano con un live esclusivo in Sicilia che vanta tre date tra Palermo, Ragusa e Messina. Per l’occasione verranno accompagnate sul palco da musicisti d’ eccezione come Roberto Cammarata, Marta Cannuscio e Giulio Scavuzzo.

“Torniamo al Retronouveau dopo circa 10 anni….siamo felicissime! Abbiamo un ricordo di un pubblico stupendo! Questo ritorno in band è una grande festa . Stasera metteremo il fuoco…siete pronti?”, commenta la band.

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments