MESSINA. Da oggi, sabato 19 dicembre per le aziende messinesi sarà possibile fare domanda per accedere al contributo a fondo perduto da tremila euro che il comune di Messina, con fondi Poc, metterà a disposizione quale misura di sostegno economico per contrastare i mancati introiti dovuti alle restrizioni per evitare i contagi da coronavirus. Il totale a disposizione del Comune è di dieci milioni e mezzo di euro.

Il contributo “una tantum” a fondo perduto è concesso nella forma di sovvenzione diretta (a fondo perduto) da tremila euro per impresa richiedente. Chi potrà beneficiare della manovra, e come accedervi?

Potranno fare domanda le ditte che risultano attive nel registro delle imprese tenuto dalla Camera di Commercio e che abbiano sede operativa nel territorio del comune di Messina, e che operino su un codice Ateco ricompreso tra quelli previsti (clic per il link).

I criteri economici per accedere al fondo perduto sono, nel periodo tra l’1gennaio e il 30 novembre 2019, un fatturato maggiore del 30% (e comunque superiore a 3000 euro) rispetto al medesimo periodo dell’anno 2020. Lo stesso criterio vale per le aziende entrate in attività nel periodo ricompreso il 1/1/2019 e prima del 30/11/2019.

Per quanto riguarda la regolarità contributiva, l’avviso recita solo “ci si conformerà agli obblighi di legge in merito agli adempimenti previdenziali e assicurativi obbligatori”.

Le domande per accedere all’indennità, corredate dalle dichiarazioni attestanti il possesso dei requisiti soggettivi di ammissibilità, potranno essere presentate esclusivamente attraverso la piattaforma telematica dedicata, raggiungibile a questo link: La domanda (questo il form da compilare) dovrà essere compilata online e inviata a sistema dal rappresentante legale dopo essere stata firmata digitalmente.

Sarà possibile avere accesso alla piattaforma a partire dal giorno 19 dicembre 2020 alle ore 09.00 e sino alle ore 23.59 del giorno 28 dicembre 2020.

Una volta ricevute le domande, sarà pubblicato un elenco dei richiedenti l’aiuto economico che risulteranno idonei.

L’erogazione del contributo agli operatori ammissibili è subordinata alla presentazione della visura camerale con data non precedente a 60 giorni dalla data di presentazione della domanda di accesso alle agevolazioni, e all’attestazione firmata digitalmente contenente la dichiarazione di permanenza dei requisiti soggettivi dichiarati in sede di presentazione dell’istanza. La documentazione dovrà essere inviata all’indirizzo PEC dedicato pmicard@pec.comune.messina.it a partire dalla data di pubblicazione dell’elenco.

I fondi provengono dal programma POC Metro Messina 2014-2020, Ambito 1, OS I.3 – Rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo [RA 3.1] I.3 – Nascita e consolidamento delle Micro, Piccole e Medie Imprese.

L’avvio della Pmi Card è stato ritardato (era previsto per il 16 dicembre) e prorogato (la scadenza originale era prevista il 21 dicembre)

guest

3 Commenti
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] sabato 19 sino alle 12.59 di lunedì 28 dicembre 2020 la data di accesso alla piattaforma Pmi Card. Prorogata anche la data di scadenza. L’accesso inizialmente era previsto per mercoledì 16 fin….«A seguito delle indicazioni pervenute da parte delle associazioni di categoria e alle numerose […]

trackback

[…] il contributo a fondo perduto da (probabilmente) tremila euro della “Pmi Card”, la misura di sostegno economico prevista dal comune di Messina per venire incontro alle imprese del territorio cittadino che hanno […]

trackback

[…] E’ stata un’odissea, ma la Pmi card, la misura di sostegno economico prevista dal comune di Messina per venire incontro alle imprese del territorio cittadino che hanno […]