La Macina

 

Il “colpo al cuore” i messinesi lo hanno ricevuto sei anni fa, alla notizia della chiusura di quello che per anni è stato “IL” ritrovo per eccellenza in città. Una notizia ferale divenuta funesta nel maggio del 2017, quando le ruspe del costruttore Vincenzo Vinciullo hanno messo la pietra tombale sulle speranze che un giorno, come l’araba fenice, sarebbe in qualche modo risorto.

Prima della chiusura, con lo sfratto del 2012, e prima ancora di essere demolita per fare posto a un complesso residenziale e commerciale, “La Macina” è stata per decenni uno dei locali più frequentati da messinesi di tutte le età, quando il lungolago di Ganzirri era ancora un romantico “boulevard” preso d’assalto nei weekend da doppiette e comitive.

Locale spazioso, con un ampio giardino esterno, lo storico ritrovo della via Consolare Pompea, a cinque metri cinque dalle acque del lago, fungeva sia da ristorante che da pizzeria ed era una delle location più ambite e rinomate per banchetti nuziali, cene aziendali, battesimi e cerimonie. Se oggi avete tra quaranta e cinquant’anni, c’è una seria possibilità che i vostri genitori si siano sposati lì.

 

 

guest

7 Commenti
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Cettina
Cettina
14 Aprile 2018 0:46

Ce levo ho tutte, sono vecchissima….hot dog completo di Rugantino alle 10.00 del mattino…gli ingredienti della salsa tonnata nessuno li ha mai scoperti

emmeaics
emmeaics
27 Aprile 2018 10:15

Li conosco tutti, ma ho frequentato soprattutto Neu e la Cassaforte del Vecchio Papero, per la limonata al sale preferivo il chiosco di Allegra, quello antico lato monte, lui se era in vena faceva ridere da morire, anche la Macina ma meno, la pizza comunque non era male, invece non ho mai amato hot dog e similari, preferivo il panino dal mitico Triglia in via dei Mille.

Ezio
Ezio
30 Aprile 2018 22:59
Reply to  emmeaics

Grande Triglia, sarebbe giusto inserirlo in una terza puntata …
Insieme alla Pizzeria del Capitano, esattamente di fronte, in via dei Mille e accanto a Melluso … Va beh …

Alessandro la torre
Alessandro la torre
6 Maggio 2018 4:38

Prima de mitico Pk c’era l’inferno dei polli…il primo a fare panino con wurstel con tabasco…

Francesco De Joannon
Francesco De Joannon
16 Novembre 2019 14:25

Li conosco tutti. Nel mio cuore peri’ c’ e’ la cassaforte del Vecchio Papero, che da collezionista di fumetti ho sempre frequentato, divertendosi a mercanteggiare con Nuccio Di Blasi, vera icona e sensei dei fumettari messinesi. Per i prossimi appuntamenti suggerisco la sala giochi F40 di via Giordano Bruno e la mitica sala biliardi Le Mans di via Legnano.

trackback

[…] Enzo Russo, storico dj ed ex proprietario di uno dei più seminali negozi di dischi di Messina, Neu Import Music, aperto nel 1983. Una intera generazione di amanti della musica (quasi tutti poi diventati musicisti, a tutti i […]

trackback

[…] Enzo Russo, storico dj ed ex proprietario di uno dei più seminali negozi di dischi di Messina, Neu Import Music, aperto nel 1983. Una intera generazione di amanti della musica (quasi tutti poi diventati musicisti, a tutti i […]