MESSINA. A Messina, gli effetti del “riscaldamento globale” si fanno sentire in misura piuttosto tangibile. Ben 3,4 gradi di aumento della temperatura media in cinquant’anni, con una temperatura media annuale di 19 gradi nel corso dell’ultimo decennio. A misurare i valori della città dello Stretto è il progetto “Glocal Climate Change”, realizzato nel corso del 2020 da OBC Transeuropa per lo European Data Journalism Network (EDJNet), come parte del lavoro che la rete sta svolgendo sulla crisi climatica e le questioni ambientali in Europa, prendendo in considerazione i dati sulle temperature di oltre 100.000 comuni in 35 paesi europei. I valori medi degli anni Sessanta sono stati confrontati con quelli del periodo 2009-2018, così da rilevare la portata del riscaldamento globale in ogni comunità locale.

 

 

In base ai risultati dell’indagine, consultabile interamente a questo link, l’anno più freddo a Messina è stato il 1978, mentre la media più alta si è registrata nel 2003, con un incremento di 3,70 gradi rispetto alle temperature medie registrate negli anni ’60. Prendendo in considerazione gli ultimi sessant’anni, la città dello Stretto è in assoluto il comune siciliano in cui si è registrato un incremento più alto (fanalino di coda è invece Licata).

 

 

Prendendo in considerazione l’intera provincia, quella messinese si piazza invece al secondo posto, con una crescita di 2,37 gradi, preceduta dalla provincia di Enna (+ 2,51). Il comune in Sicilia dove le temperature sono scresciute di meno, invece, è Licata.

 

 

Nel complesso, la Sicilia è una delle regioni che si è “riscaldata” meno rispetto ad altri territori, piazzandosi al 16° posto in Italia, guidata dalla provincia autonoma di Bolzano. Il comune dove la temperatura media annuale è cresciuta in assoluto di più in Italia è Novate Mezzola (+4,1°C) e si trova in Lombardia, mentre quello dove è cresciuta di meno è Aglientu (+0,3°C) e si trova in Sardegna.

 

 

Perché la temperatura è cresciuta più velocemente in un comune o in una regione rispetto ad altre? «Ci sono vari fattori che entrano in gioco: l’alta densità abitativa e il consumo di suolo – le legge sul portale – spesso si accompagnano con un aumento delle temperature (diminuiscono gli spazi verdi, mentre si aggrava l’inquinamento), ma anche molte aree montuose sono state duramente colpite dal riscaldamento globale e hanno visto ad esempio ridursi le nevicate. In 7768 comuni in Italia su 7904 la temperatura media annuale è aumentata di almeno 1°C negli ultimi decenni: il riscaldamento globale è anche un riscaldamento locale, che investe ogni comunità del pianeta».

Qui la mappa realizzata da OBC Transeuropa dove è possibile consultare ogni singolo comune della Sicilia.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments