PALERMO. Quanto servono alla limitazione degli spostamenti (e quindi dei contatti) le misure introdotte dal dpcm del 3 novembre, che assegnava alla Sicilia la zona arancione, quella intermedia, con restrizioni inferiori alle zone rosse, ma superiori a quelle gialle?

Molto, stando ai dati rilasciati da Google che indicano la variazione delle visite e della durata della permanenza presso luoghi diversi rispetto a un riferimento.

In Sicilia, gli indicatori sono tutti negativi (a volte molto negativi) rispetto ad una media di riferimento tranne uno. Ci si muove molto meno, sia per svago (addirittura il 60% in meno del solito verso luoghi in cui trascorrere tempo libero come bar, ristoranti, teatri e cinema, anche perchè il dpcm li ha chiusi), sia per lavoro (dimezzati gli spostamenti verso stazioni e fermate di trasporto pubblico): entrambi i trend erano però in discesa sin da fine settembre, quindi oltre un mese prima del dpcm, ma dall’entrata in vigore delle nuove misure sono precipitati.

Curiosamente, anche verso supermercati e farmacie ci si sposta molto meno: addirittura il 44%, in particolare nei finesettimana. Anche qui c’è una spiegazione “lgislativa”, dal momento che l’ordinanza regionale in vigore da quasi un mese aveva imposto le chiusure domenicali ai supermercati. In calo (meno 26%), anche gli spostamenti verso i luoghi di lavoro, per via delle attività chiuse: curioso, però, il fatto che anche a fine settembre, quindi senza restrizioni, gli spostamenti verso i luoghi di lavoro erano inferiori rispetto alla media di riferimento.

Inferiori del 19% anche gli spostamenti verso le piazze, i parchi e le spiagge, nonostante l’estate praticamente non accenni a finire (e quindi gli assembramenti sulle spiagge, che sono evidentemente di molto inferiori a quelli degli anni scorsi, ma oggi fanno più clamore), che fino a metà ottobre erano di molto superiori al normale.

L’unico indicatore positivo è quello relativo alle zone residenziali: un triste 13% in più: praticamente ci si sposta ormai solo per tornare a casa.

 

Queste informazioni vengono calcolate in base ai dati degli utenti che hanno attivato la cronologia delle posizioni per il proprio Account Google, pertanto i dati rappresentano un campione dei soli utilizzatori di Google.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments