MESSINA. Non smette di far discutere la controversa conferenza stampa congiunta fra Cateno De Luca e Di Bramanti, e nello specifico la “battuta sui gay” pronunciata dal candidato sindaco del centrodestra (della quale poi, in modi diversi, i due candidati si sono scusati). Dopo le reazioni degli avversari politici, del presidente di Arcigay Rosario Duca e di Pietro Navarra, a commentare l’accaduto è “Zancle Lgbt” (misteriosa sigla di cui in rete non si trova traccia al di là della comunicazione odierna), che dice la sua con un comunicato corredato da un fotomontaggio, che riprende il celebre murale, apparso qualche settimana fa, in cui a baciarsi sono i papabili premiers Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

Di seguito il contenuto della nota:

«Abbiamo ascoltato la presunta battuta del prof. Bramanti, durante la conferenza stampa congiunta con l’on. De Luca, che dice di non volersi fare “pigliare per gay”. Battuta non solo di cattivo gusto, ma che non ha fatto ridere nessuno.

Comicità di questo tipo non la fanno neanche più nei film di natale dei Vanzina. L’Italia è cambiata, anche Messina ha diritto a un po’ più di intelligenza, a qualche briciolo di dignità nel discorso pubblico della sua classe dirigente.

Speriamo che il seguito della campagna elettorale sia migliore di quello visto finora. Anche da parte di due candidati che fingono di essere diversi nei programmi, ma di certo sono uguali almeno su una cosa: il cattivo gusto e il provincialismo delle battute che fanno ridere solo loro. In difesa della libertà di ciascuno di scegliere chi amare, in difesa dell’intelligenza e dell’umorismo, vorremmo rispondere ai due candidati con questo foto-comunicato: l’amore tra uguali, non è così diverso.

 

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments