Servizi sociali, non riconfermato l’incarico al dirigente Domenico Zaccone

Non sarà rinnovato il contratto trimestrale. Al suo posto Loredana Carrara (alla quale invece è stato rinnovato qualche settimana fa). È la prima mossa verso il taglio dei dirigenti. Che finora era rimasto sulla carta

 

MESSINA. È durata solo tre anni, tanti quanto prevedeva il suo contratto a tempo determinato, l’avventura a Palazzo Zanca del dirigente ai servizi sociali Domenico Zaccone: l’amministrazione ha deciso di non rinnovarlo più, ed il 31 dicembre il dirigente interromperà il suo lavoro col Comune di Messina. A prendere il suo posto (ad interim), ironia della sorte, sarà Loredana Carrara, anch’essa dirigente a tempo determinato (al Gabinetto e alle Risorse umane, quest’ultimo un ulteriore interim), il cui contratto, firmato nel 2015 insieme a Zaccone, è stato invece rinnovato dal sindaco Cateno De Luca.

Loredana Carrara inizierà subito a gestire il dipartimento ai Servizi sociali, perché Zaccone ha deciso di usufruire delle ferie residue non ancora godute, dal 7 novembre al 28 dicembre, “in linea con quanto invitato a porre in essere dal segretario generale pro-tempore” il 15 ottobre scorso: il tempo di tornare a Palazzo Zanca, salutare i colleghi ed andare via.

È la prima mossa dell’amministrazione De Luca in direzione dell’intenzione, manifestata dal sindaco ed oggetto di due delibere, verso quella riduzione dei dirigenti rispetto quale, finora, si era verificato il contrario: i dirigenti, cioè, erano destinati ad aumentare invece che diminuire.

Lascia un commento

avatar
400