MESSINA.Sono tornati a riunirsi Senato e Consiglio di Amministrazione dell’Università degli studi di Messina. Il Consiglio, previo parere favorevole del Collegio dei Revisori e di Senato Accademico, ha approvato il bilancio unico d’Ateneo di previsione 2022. Sono previsti ricavi e corrispondenti costi d’esercizio per circa 265milioni di euro.

“Sono molto soddisfatto – ha detto il rettore Salvatore Cuzzocrea – per il costante e crescente impegno dell’Ateneo nei confronti degli studenti, a beneficio dei quali sono state incrementate le risorse al fine di migliorare i servizi offerti con un maggiore stanziamento, tra l’altro, per le collaborazioni part-time e le borse di specializzazione di area medica.

Oltre 65 milioni di euro sono stati destinati per investimenti,  tra i quali spiccano i lavori di efficientamento energetico su tutti i plessi dell’Ateneo, la ristrutturazione dell’hotel Riviera, adeguamento alle normative antincendio, lavori di ristrutturazione dei laboratori dell’ex facoltà di Farmacia, lavori di riqualificazione del parco di Villa Pace, lavori di ampliamento degli spazi didattici, lavori di manutenzione e ristrutturazione del dipartimento di veterinaria e dell’ospedale veterinario.  Inoltre, per quanto riguarda la ricerca e l’internazionalizzazione, gli stanziamenti di bilancio sono aumentati rispetto all’esercizio precedente: € 8,3 milioni per borse di dottorato, € 1,3 milioni per borse Erasmus,  € 440.000 per borse al merito. Desidero, anche, sottolineare che, rispettando il limite previsto dal decreto legislativo 49/2012, nel corso del 2022 sarà possibile espletare numerose procedure di reclutamento del personale docente e tecnico amministrativo. Infine, desidero ringraziare il dipartimento amministrativo organizzazione e gestione risorse finanziarie, il direttore generale e tutti i dirigenti per l’attività di coordinamento dei vari dipartimenti didattici e amministrativi dell’Ateneo”.

“Come è consuetudine – ha affermato il direttore generale, l’avvocato Francesco Bonanno – il Budget 2022 è stato approvato nei termini normativi previsti e nel rispetto degli obiettivi strategici contemplati dal piano triennale della performance. Le varie Strutture, anche quest’anno, si sono avvalse della piattaforma u-budget, che consente di articolare le proposte di budget secondo un criterio di destinazione (per progetti), distinguendo opportunamente tra voci di costo, di ricavo e di investimento”.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments