MESSINA. Il sindaco Cateno De Luca torna sui suoi passi, e dopo averlo chiuso a marzo 2020, ha riaperto del mercato delle pulci di viale Giostra, nell’area ex Mandalari. Ieri sera De Luca ha firmato l’ordinanza predisposta dall’assessora alle attività produttive Dafne Musolino che dispone la riapertura della struttura che a marzo del 2020 aveva prima sospeso per un mese perchè, scriveva all’epoca, “nonostante i controlli della Polizia Municipale che ogni domenica verifica gli ingressi al mercato e sanziona gli abusivi, l’area del mercato delle pulci si era trasformata in una sorta di discarica di rifiuti, dove a fine giornata venivano abbandonati abiti vecchi, pezzi di arredamento, valigie, scarpe, cose vecchie e spesso sporche che venivano prelevate dai cassonetti”. Il lockdown nazionale aveva poi sospeso sine die la riapertura, e per mesi non se n’era saputo più nulla.

Da qualche settimana, però, il tema era tornato in auge in maniera piuttosto dirompente, a causa dei blitz domenicali a piazza del Popolo contro i librai del circolo Pickwick: una situazione che da un mese, ogni domenica, vede da un lato l’amministrazione e la polizia municipale, e dall’altra i librai e un numero sempre crescente di cittadini che rivendicano spazi di scambio. Per questo, dieci consiglieri comunali (Cristina CannistràAlessandro RussoAndrea ArgentoSalvatore SorbelloGiuseppe FuscoGaetano GennaroAntonella RussoFelice CalabròBiagio Bonfiglio e Massimo Rizzo), una settimana fa avevano redatto un regolamento, presentato come proposta di delibera consiliare, “per l’istituzione in città del mercato dell’usato, con l’obiettivo di incentivare il riuso e il riutilizzo di beni nel rispetto di norme comportamentali certe, disciplinando tempi, modi e spazi di fruizione”.

De Luca li ha però superati a destra, emanando l’ordinanza che dispone la riapertura domenicale, dalle 8.30 alle 12.30, e fissa alcune regole per gli espositori, che devono dichiarare tramite autocertificazione di non essere imprenditori commerciali, essere autorizzati alla vendita o esposizione di prodotti per definite categorie merceologiche, costituirsi in un Comitato di Gestione per autoregolamentazione e disciplina delle aree di esposizione e rispetto delle disposizioni vigenti e faccia da referente per l’Amministrazione, esporre articoli in perfetto stato di conservazione (abbigliamento, elementi di arredo, utensili, strumenti musicali, libri, riviste, vinili), garantirne la sanificazione degli articoli nel rispetto delle norme nazionali e di quelle regionali come disciplinate nelle ordinanze emanate dal Presidente della Regione Siciliana per il contenimento da contagio da Covid-19, poter dimostrare, anche tramite autocertificazione, la provenienza della merce esposta in qualsiasi momento su richiesta da personale appartenente alle Forze dell’Ordine, ed esporre gli articoli su banco opportunamente allestito.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments