MESSINA. Continua la querelle tra l’amministrazione De Luca e il circolo Pickwick. Dopo le denunce delle settimane scorse, questa mattina, durante il solito mercato domenicale, la Polizia Municipale è intervenuta per richiedere i documenti ai membri del circolo, che si trovavano a Piazza del Popolo per il solito scambio di libri e per la raccolta fondi per il membro multato la scorsa settimana per aver spostato un cartone abbandonato a Villa Dante vicino a un contenitore dell’ immondizia.

Attorno alle 10:30 di questa mattina la Polizia Municipale è arrivata in una Piazza del Popolo gremita di passanti e venditori, soffermandosi su una delle bancarelle di scambio libri, dove è stato richiesto di esibire i documenti, richiesta che, come previsto, ha scatenato proteste in piazza.

A intervenire sul momento, parlando direttamente alla municipale, quando è saltato fuori qualche possibile problema riguardo all’interpretazione di “manifestazione” rispetto a quello che stava accadendo in piazza, è stato Emilio Fragale, avvocato ed ex direttore generale del comune di Messina: “Ci sono soltanto persone che individualmente testimoniano una loro vicinanza al circolo Pickwick. Non c’è stata convocazione e in ogni caso quello che mi preme sottolineare è che eventualmente una questione di questo tipo, qualora vi fosse stata un’organizzazione, andava segnalata alla questura. La prerogativa dei vigili urbani è una questione che diventa politica, e quando vi sono delle manifestazioni politiche vi è un preavviso che si fa al questore.”

I membri del circolo hanno comunque mostrato le prove dell’accettazione da parte del Comune dello spazio occupato e la Polizia Municipale ha identificato (di nuovo) i soggetti, controllo che poi si è rivelato lo scopo finale della visita.

Intanto, per la raccolta fondi, sono stati superati i 100€.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments