ROMA. “In Sicilia il Movimento 5 Stelle correrà da solo, per dare riscatto e dignità a tutta l’isola”. Queste le parole di Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 Stelle, che dopo l’interrogativo posto dal Partito Democratico nelle scorse giornate, ha scelto di candidarsi da solo alla Regionali e di presentare Nuccio Di Paola, attuale referente regionale del M5S. “Impegno, correttezza e schiena dritta, la nostra proposta per il Governatore che ogni siciliano merita!”. Così il leader del M5s Giuseppe Conte ha ufficializzato il candidato del Movimento alle regionali siciliane.

Duro il commento del segretario regionale del PD, Anthony Barbagallo: “A Giuseppe Conte dico, intanto, che la dignità è mantenere la parola data. E questa rocambolesca giravolta di oggi del suo Movimento è tutt’altro che degna. Quello del M5s è alto tradimento nei confronti dei siciliani che hanno creduto al fronte progressista. Il Movimento 5 stelle in Sicilia – ricorda Barbagallo – aveva condiviso l’opposizione a Musumeci e in virtù di questo ha sottoscritto un patto per le primarie di coalizione. Hanno garantito il sostegno alla candidata vincitrice, Caterina Chinnici e il Pd aveva detto, più volte nei giorni scorsi, sì a tutte le richieste da loro avanzate. Alcune anche premature per non dire stravaganti. Abbiamo atteso fiduciosi – ricostruisce il segretario del Pd Sicilia – ma chiaramente oggi di fronte a questa presa di posizione inspiegabile prendiamo atto che la coalizione progressista finisce qui. Il M5s si assume la responsabilità di sciogliere una alleanza e una coalizione per la quale abbiamo lavorato per anni e chiamato al voto oltre 30 mila siciliani – chiosa Barbagallo – in uno sforzo comune non indifferente, vanificato da scelte politiche che nulla hanno a che fare con la Sicilia e i siciliani”.

FONTE ANSA

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments