MESSINA. “Problematiche viabilità a Torre Faro in vista della stagione estiva”. È l’ordine del giorno di cui si discuterà lunedì mattina nel corso della I Commissione Consiliare, alla quale prenderanno parte il dirigente del dipartimento servizi territoriali e urbanistici Antonio Cardia e gli assessori Salvatore Mondello e Dafne Musolino.

«Obiettivo dell’incontro, richiesto da noi, è quello di riqualificare il borgo marinaro e mettere fine una volta per tutte al caos che penalizza una delle zone più belle di Messina e di tutta la Sicilia, a partire dall’istituzione di una Ztl e dalla regolamentazione del traffico veicolare con l’ausilio di telecamere fisse per il controllo degli accessi e dei flussi», spiega la capogruppo del M5s Cristina Cannistrà, che lo scorso marzo aveva presentato all’Amministrazione una nota urgente per fare il punto sui provvedimenti da mettere in atto, facendo seguito all’atto di indirizzo presentato a novembre del 2019 e poi approvato all’unanimità dal Consiglio comunale il 15 gennaio del 2020.

«Dopo l’esperienza in chiaro scuro della scorsa estate, quando è stata attuata una parziale e tardiva pedonalizzazione di alcune vie di Faro, gli abitanti del borgo hanno dovuto fare i conti con i disagi di sempre, che si sono acuiti con l’arrivo delle belle giornate, soprattutto nei weekend. Ormai siamo giunti ad Aprile e non è più possibile temporeggiare: i residenti e i commercianti pretendono delle risposte urgenti, e sono stanchi di dover affrontare quotidianamente confusione, ingorghi e inciviltà. Un problema che si protrae da troppo tempo e che di certo non può essere risolto solo con i presidi fissi della Municipale», prosegue la consigliera, che chiede delucidazioni sulle sorti delle Torri Morandi e sui provvedimenti al vaglio della Giunta.

«Chiediamo nuovamente all’Amministrazione di dare seguito al più presto alla nostra proposta e di attuare in modo continuativo quanto indicato nella mozione di indirizzo per una riqualificazione funzionale dell’intera area, con immediati benefici per la sicurezza pubblica, la tutela dell’ambiente e in generale per una migliore qualità di vita», conclude, ribadendo la disponibilità del gruppo consiliare a condividere il progetto dettagliato redatto dagli attivisti del meetup “Grilli dello Stretto”, già presentato il 4 settembre 2019 nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Zanca».

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments