PALERMO. È stata dichiarata la morte cerebrale per la bimba che nel quartiere Kalsa a Palermo è finita in coma durante una prova estrema di soffocamento sul social TikTok. Nonostante i tentativi fatti dai medici – riporta Ansa – per la piccola non c’è stato nulla da fare i genitori hanno acconsentito all’espianto degli organi.

Sulla vicenda sono in corso indagini della polizia che ha sequestrato il cellulare della bambina. Secondo una prima ricostruzione la piccola avrebbe raccolto la sfida che sulla app viene chiamata “hanging challenge” e che prevede una prova di resistenza. La folle sfida consiste nello stringersi una cintura attorno al collo e resistere il più possibile. La piccola avrebbe seguito i vari passaggi prima di restare asfissiata, trovandosi poi senza forze e crollando per terra. Quando i genitori della bambina si sono accorti della situazione hanno liberata la figlia dalla cintura e l’hanno trasportata al pronto soccorso dell’ospedale pediatrico.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments