MESSINA. Il commissario straordinario Leonardo Santoro e il presidente di Atm Spa Giuseppe Campagna annunciano in una nota che l’istanza di accesso ai fondi del Pnrr relativi all’azione “Rinnovo Flotte Bus e Treni Verdi” è stata ammessa a finanziamento. La notizia è stata comunicata da Asstra, l’associazione di categoria delle Società del TPL, presso il Ministero delle Infrastrutture delle Mobilità Sostenibili (MIMS), cui seguirà nei prossimi giorni la notifica del decreto di finanziamento per oltre 55 milioni di euro.
L’istanza, inviata lo scorso 15 febbraio e successivamente integrata, a seguito di interlocuzioni con il MIMS, prevede una “vera e propria rivoluzione elettrica per il TPL a Messina”, che vedrà da qui ai prossimi anni l’introduzione di almeno 78 nuovi mezzi a emissioni zero. I primi interventi – si legge in una nota del Comune – riguarderanno il potenziamento della flotta destinata ai villaggi collinari con l’immissione in servizio, entro il nuovo anno, di mezzi aventi una lunghezza inferiore a 7 metri più idonei al transito lungo le strade dei caratteristici borghi che caratterizzano la città da nord a sud.
«Un risultato importante – ha evidenziato Santoro – che permetterà di innalzare la qualità del servizio di trasporto pubblico per le zone collinari tradizionalmente e strutturalmente svantaggiate e alle quali è indispensabile dare una priorità. Relativamente poi all’acquisto di questa tipologia di bus è prevista la pubblicazione del bando di gara entro il mese di aprile. Infine l’obiettivo, grazie anche all’integrazione con gli interventi in corso lungo la linea tranviaria, è quello di liberare totalmente il centro città dal TPL con i mezzi tradizionali», ha concluso il commissario.
Il presidente Campagna, “nel ricordare che l’Azienda Trasporti Messina ha già migliorato le frequenze da e per i villaggi rafforzando i collegamenti a pettine con lo shuttle” ha aggiunto: «La rilevanza strategica del PNRR consentirà di fornire nelle zone a più alta valenza ambientale e paesaggistica un trasporto totalmente verde e comunque di rafforzare la dorsale shuttle + tram, al fine di creare una vera e propria linea di forza a zero emissioni».
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments