MESSINA. “Condividiamo le critiche alla pedonalizzazione temporanea di alcune strade del centro cittadino manifestate in questi giorni da cittadini, residenti e imprenditori”. A scriverlo, in una nota, sono Armando Hyerace e Domenico Mazza del Circolo PD Messina 4.

“Il provvedimento infatti – sostengono – risulta del tutto sbilanciato a favore dell’interesse privatistico (e peraltro anche ultroneo rispetto alle effettive richieste ed esigenze manifestate in tal senso dai ristoratori) e mancante di qualsivoglia ragione di pubblico interesse  tassativamente previsto dalla legge (sicurezza della circolazione, salute, ordine pubblico, tutela del patrimonio ambientale e culturale).​ Si tratta, peraltro, di una semplice chiusura al traffico veicolare di zone del centro cittadino prive, in generale, di una specifica rilevanza sia economica o storico/artistica e dalla quale la cittadinanza non ne può trarre alcun beneficio”.

“La pedonalizzazione – proseguono – risulta, pertanto, totalmente scriteriata e irragionevole, e sta avendo come unico effetto quello di alimentare un generale malcontento e insofferenza nella cittadinanza verso tali tipi di provvedimenti, di cui tuttavia la città ha estremo bisogno. Riteniamo, quindi, assolutamente necessario che l’Amministrazione modifichi al più presto il citato provvedimento, aggiornandolo alle effettive ed attuali esigenze degli operatori commerciali (ad esempio, pedonalizzando solo in parte i tratti di strada interessati), e cercando al contempo di attenuare al massimo i disagi per i residenti e, in generale, per tutta la cittadinanza”.

guest

1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
marco
marco
6 Settembre 2020 17:36

Più isole pedonali significa meno inquinamento sia atmosferico che sonoro.Invece i messinesi preferiscono morire di cancro al polmone, avere incidenti stradali, essere stressati dal traffico e molestati dai clacson ma avere al guinzaglio la propria macchina sotto casa o parcheggiata davanti al negozio piuttosto che camminare 5 minuti. Dove sono le ZTL, miei cari difensori dell’interesse pubblico?