MESSINA. «Una bocciatura che non è solo la bocciatura di un atto deliberativo ma dello stesso sindaco De Luca, presentatosi in consiglio dopo il duro attacco fb dei giorni scorsi contro i consiglieri comunali che minacciava di “prendere a calci in c….”. Questa volta ad essere preso “a calci in c… ” è stato lo stesso sindaco che ha cercato di sminuire la valenza del voto in aula ritenendo di potere proseguire ugualmente secondo una interpretazione a suo uso e consumo della normativa vigente».

A scriverlo, in una nota, sono gli attivisti di Cambiamo Messina dal Basso, presenti ieri sulla “tribuna” dell’Aula consiliare, dalla quale hanno accompagnato con un applauso la bocciatura  della delibera del piano di liquidazione di Atm presentata dall’Amministrazione (sebbene la segretaria generale Rossana Carrubba, nella sua interpretazione, abbia poi “sminuito” l’esito della votazione).

La protesta dei militanti di Cmdb è iniziata intorno alle 15, con l’invito ai consiglieri a bloccare la liquidazione dell’azienda trasporti, salvaguardandone la gestione pubblica, e l’esibizione di cartelli recanti la scritta “Svendesi” a conclusione dell’intervento iniziale del sindaco.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments