MESSINA. Un consiglio comunale straordinario e urgente per trattare l’ampliamento dell’attuale “Isola pedonale Cairoli”. È la richiesta protocollata stamattina dai quattro consiglieri di Cambiamo Messina dal Basso, Lucy Fenech, Ivana Risitano, Cecilia Caccamo e Maurizio Rella, ai quali si sono aggiunti successivamente altri colleghi.

“Crediamo che non si possa più attendere nel dare una risposta alla città – hanno spiegato i consiglieri – Creare vaste aree di pedonalizzazione è per noi una questione di civiltà: significa creare spazi di socialità, andare nella direzione di una mobilità sostenibile, valorizzare la bellezza del nostro territorio, dare più chance all’economia locale. Ci auguriamo che nei prossimi giorni il Consiglio comunale si esprima chiaramente su una questione che in questi anni ha visto mobilitarsi in vari modi molti cittadini, così come ricordato nel documento consegnato questa mattina alla Presidente del Consiglio”.

Il documento, che per essere accolto ha bisogno di 8 firme, è stato sottoscritto trasversalmente da 13 consiglieri: bizzarramente, anche qualcuno che la scorsa settimana al prelievo della stessa delibera si era di fatto opposto, astenendosi e contribuendo a bocciarlo. Libero Gioveni e Benedetto Vaccarino, per esempio, che mercoledi 4 erano tra gli undici consiglieri astenuti.

Peraltro, il documento ha fatto emergere una novità: il 4 dicembre, quindi lo stesso giorno del voto, l’assessore alla Viabilità Gaetano Cacciola aveva sollecitato la presidenza dela consiglio alla trattazione della delibera, “in modo da poter definire, prima ancora della riapertura delle vie, se il consiglio comunale è del parere di modificare e integrare il Piano generale del traffico urbano inserendo ulteriori aree pedonali confinanti con l’attuale area pedonale Cairoli”.

In soldoni, i consiglieri che si sono opposti alla pedonalizzazione di via dei Mille proponendo modelli alternativi, come Pippo Trischitta col suo progetto di “rambla” o Nicola Cucinotta, potrebbero portare in aula, e fare approvare, la “loro” isola pedonale. Anche solo per non fare apparire il muro contro muro degli ultimi quattro anni come ostruzionismo puro, senza costrutto.

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments