MESSINA. Stasera, mercoledì 29 Giugno, alle ore 21.30, torna sul palco del Retronouveau di Messina la band La Stanza della Nonna per presentare live al grande pubblico il nuovo singolo “Teresa”. Un concerto esclusivo, tra le lucine e gli sgabelli colorati nel terrazzino del live club di via Croce Rossa, che ribadisce solo l’inizio di quella che sarà un estate di grande musica, aperitivi e non solo, in centro città grazie al cartellone della rassegna di eventi e spettacoli curati dalla direzione artistica di Davide Patania.

Dopo un periodo di stop forzato imposto dall’ emergenza Covid-19, che è servito semplicemente per riordinare le idee, e dare forma e concretezza a nuove produzioni musicali, la band messinese torna nella sua formazione completa capitanata come sempre da Gianluca Fontanaro alla voce e Claudio D’Iglio alla chitarra, schierando Bruno Di Sarcina ai synth, Giuseppe Ruggeri al basso e Claudio La Rosaalla batteria. Teresa, ultima arrivata in casa, è una power ballad dal sound immersivo ed avvolgente, ormai fuori dal 13 Maggio 2022, e che ha riscosso sin da subito, su tutte le piattaforme musicali, un grande successo all’ ascolto.

È, in assoluto, la prima produzione firmata dalla Tuma Record, ovvero dalla neo etichetta indipendente musicale messinese nata in casa Dalek Studio, con registrazione e mixaggio a cura di Claudio La Rosa. All’artwork troviamo Giuseppe Ventura, mentre alla produzione artistica, oltre alla band stessa, vi è la collaborazione di Damiano Micelied al mastering Ottavio Leo.  Ha il sapore di una lettera d’ amore inviata e mai ricambiata, e tra una batteria che picchia forte, ed una chitarra incalzante, lascia trasparire, in contrapposizione con il testo, un messaggio di speranza ed un augurio affinché si tiri fuori la grinta, una spinta ad avere voglia di fare e farcela, per un finale aperto che si presta a mille personalissime interpretazioni.

La storia è quella di una ragazza insofferente, a tratti apparentemente poco empatica ed impavida, che ha un cuore di pietra e che non parte, una di quelle che usa l’indifferenza come scusa e chiude tutti i suoi sogni in una stanza per evitare che scappino via. Un storia, dunque, in cui non è poi così tanto difficile immedesimarsi, soprattutto quando si vive in una piccola città che, tra limiti e difficoltà continue, sembra voler soffocare tutte le proprie ambizioni ed i propri sogni. Ed è proprio così che in Teresa è possibile ritrovare, sotto mille sfaccettature, un pezzetto di ognuno di noi. A rendere il tutto ancora più suggestivo e significativo, arriva puntuale il video con la regia di Gilda Fontana ed una protagonista d’ eccezione come Sabrina Marchetti.

 “Teresa incarna quei combattimenti interiori, quel male di vivere della nostra epoca (l’indifferenza). Le contrapposizioni sinestetiche che la turbano sono il motore del suo smarrimento” spiega la regista “Ha un anima di pietra, ha un cuore che non parte, ma conserva le lettere d’ amore di chi non è riuscito a ricambiare, tutto quel rumore nel silenzio della sua solitudine. Lo sdoppiamento, l’immagine sfuocata e nervosa rivelano questa metrica. Il buio regna sovrano ma rivela la bellezza della luce”. Ecco, quindi, Teresa vagare inquieta e sofferente, quasi rinchiusa in un unico ambiente, tra elementi ed atmosfere tendenti all’ horror e segnali criptati di speranza sparsi qua e là, alla ricerca di qualcosa di molto importante che probabilmente potrà esserle di grande aiuto portandola forse, a spalancare una volta per tutte quelle finestre ben serrate. “Quando ho ascoltato Teresa per la prima volta ho pensato, questa è la mia canzone, parla di me” racconta l’attrice Sabrina Marchetta “In realtà credo che Teresa possa essere un po’ tutti e tutte. Chi di noi, almeno una volta non ha chiuso in una stanza tutti i sogni che non siamo riusciti a realizzare e spesso che dimentichiamo anche di avere? L’ idea di una collaborazione per il video di questa canzone mi è piaciuta subito: immergermi dentro Teresa è stata un’esperienza entusiasmante, ed anco molto familiare; i ragazzi della Stanza della Nonna non sono solo capaci di far nascere questa musica e questi testi, ma riescono anche a creare un ambiente piacevole e stimolante per esprimersi al meglio. Lo rifarei subito.”

“Teresa è un brano a cui teniamo tantissimo. Per noi rappresenta un nuovo inizio ed è stata la scintilla per la produzione del nostro prossimo album, che vedrà luce nel 2023. Siamo veramente felici di tornare a suonare dal vivo e presentare il nostro nuovo singolo in band su un super palco come quello del Retronouveau, sarà un concerto emotivamente molto importante e porteremo con noi delle copie esclusive del vinile di Teresa in tiratura limitata” commenta infine la band “Con Gilda volevamo collaborare già da un paio di anni, ma non c’era mai stata l’occasione ed il progetto giusto che calzasse a pennello per lei. Quando abbiamo deciso di proporle Teresa eravamo convinti che la sua sensibilità artistica avrebbe colpito il segno, e così è stato. Sembra proprio di entrare dentro le pieghe più intime della nostra protagonista, che è interpretata per l’appunto alla perfezione da Sabrina Marchetti, che abbiamo avuto la fortuna di conoscere per una serie di eventi che l’hanno portata ad innamorarsi del nostro brano quando era ancora in produzione. Con Gilda e Sabrina si è creato un bellissimo rapporto e speriamo di ripoter collaborare insieme in futuro. Ovviamente non possiamo non ringraziare Gaetano Sciacca per il supporto tecnico e morale, e Francesco Algeri che con la passione che lo contraddistingue ha catturato i momenti del backstage. Grazie anche al Dalek Studio, Tuma Records e la famiglia Di Sarcina per la location.”

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments