MESSINA. “Allo scopo di salvaguardare la tradizione sportiva della città di Messina, il sindaco intende individuare un soggetto interessato ad essere accreditato presso la federazione italiana giuoco calcio (Figc) per l’iscrizione al campionato calcistico di serie D della lega nazionale dilettanti in rappresentanza della città di Messina”. Entro mezzogiorno di lunedi prossimo.

Meno di una settimana per trovare il “salvatore della patria”, l’ennesimo al quale la tifoseria e una città intera si affideranno perché il Messina non scompaia dal panorama calcistico per la terza volta in venticinque anni. Cosa dovrà fare chi è interessato a rilevare la società che l’ultimo patron, Franco Proto, non è riuscito a far iscrivere alla serie C?

Presentare una dichiarazione scritta di interesse ad iscrivere la società, e soprattutto depositare un assegno circolare da duecentomila euro intestato alla Figc, nonchè “cedere a titolo gratuito al Comune, in caso di iscrizione al campionato di serie D, la denominazione, il logo e i colori sociali”. Contestualmente, “il soggetto aspirante deve illustrare i criteri per la definizione dell’organigramma societario, con riferimento ai ruoli di responsabilità amministrativa e di direzione del settore tecnico.

Infine, il piano sportivo e finanziario: l’interessato, dovrà allegare il “progetto tecnico sportivo, con particolare riferimento all’allestimento dell’organico della prima squadra e allo sviluppo del settore giovanile, e un business plan pluriennale, e relativo piano economico-finanziario a sostegno del progetto tecnico-sportivo, supportato da effettiva documentazione contabile”.

I progetti presentati entro mezzogiorno di lunedi 24 luglio, saranno vagliati da “apposita commissione di valutazione”.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments