Puliamo Messina

 

MESSINA. L’appuntamento è fissato per le 23 di questo sabato, quando i volontari di PuliAmo Messina si raduneranno a Largo San Giacomo per ripulire il cuore della movida da bottiglie di vetro, bicchieri e rifiuti. Un’azione simbolica che farà tappa al Municipio, a Piazza Antonello, in Galleria, al Duomo e a piazza Catalani prima di fare nuovamente ritorno nello slargo “adottato” dall’associazione nel 2016. L’obiettivo è quello di restituire un po’ di decoro alla zona del centro storico, che ogni weekend diviene un ricettacolo di cocci di vetro e immondizia (a partire dal retro della Cattedrale).

Ma quello in programma domani sera è solo il primo dei tanti progetti dei giovani (e non) dell’associazione, che dopo un 2017 intenso e pieno di iniziative sono pronti a riprendere il loro percorso nel segno del senso civico. E dell’amore per la propria città.

 

Christian Mangano nel corso della conferenza stampa di ieri, nei locali della libreria “La casa di Giulia”

 

Il fitto calendario di impegni dei PuliAmo Messina proseguirà a stretto giro di posta il mese prossimo, all’interno del Giardino di Montalto, riportato a nuova vita lo scorso settembre dopo anni di abbandono e di incuria (e di un lungo contenzioso fra Curia e Comune). Inizieranno a breve, infatti, i lavori di ripristino del cancello rotto che da mesi impedisce l’accesso al parco urbano. Per festeggiare la (nuova) riapertura, i volontari organizzeranno all’interno del polmone verde cittadino un “guerrilla gardening” previsto per domenica 8 aprile.

 

3 settembre 2017: è festa per la riapertura del Giardino di Montalto

 

Si svolgerà invece ad inizio maggio il primo evento dell’associazione che coinvolgerà l’intera città, con la pulizia in contemporanea di sei aree in tutte le circoscrizioni messinesi. Dislocati da nord a sud, i volontari si impegneranno a riqualificare le zone più degradate dei vari quartieri, con l’obiettivo di coinvolgere anche quei cittadini che non possono partecipare ai progetti nel centro storico per questioni logistiche. La scelta delle zone, inoltre, sarà concordata proprio con gli abitanti, che potranno segnalare le urgenze tramite la pagina Facebook del gruppo.

«A differenza degli altri anni ci concentreremo su porzioni di territorio più piccole senza adottare nuove aree. In realtà è più difficile a dirsi che a farsi, perché ogni volta che ci mettiamo al lavoro su qualcosa poi ce ne innamoriamo», ha spiegato nel corso di una conferenza stampa Christian Mangano, rappresentante del gruppo.

Fra gli eventi promossi da PuliAmo Messina, infine, anche un ritorno a Largo San Giacomo, dove verrà realizzata una seconda opera d’arte ricavata da un tronco d’albero, proprio di fronte alla “Metamorfosi di Colapesce”, scolpita nel 2017 dal maestro del legno Salvatore Anastasi. 

 

“La Metamorfosi di Colapesce”

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments