MESSINA. C’è stato un periodo, più o meno coincidente con il boom di Beautiful, di Balla coi lupi e di Basic instinct, in cui sembrava che ogni bambina neonata in città si chiamasse Brooke o Sharon, e ad ogni maschietto appena nato gli sarebbe stato dato il nome Kevin. E le “vintage” Chantal (sfortunato nome protagonista del tormentone “Chantal, ricogghiti i zzocculi”) e Jessica, le esotiche Asia e Luna, gli anglofoni Anthony e Jonathan, gli inspiegabili Nicole e Manolo ? Tutto finito.

Ma sono finiti anche i tempi degli atroci sadismi inflitti ai neonati chiamandoli Pasquale, Stellario, Salvatore, Carmelo, o delle due dozzine di varianti della Madonna, e dei suoi soprannomi, alle quali venivano punitivamente assoggettate le bambine appena nate.

Messina si uniforma al resto d’Italia e sceglie di dare un calcio alla tradizione e chiamare i neonati con gli stessi nomi in cima alle preferenze in tutto il resto della penisola. Sui 1738 nati del 2016, infatti, trionfano le quarantaquattro Aurora ed i cinquanta Francesco. Dati perfettamente allineati ai fiocchi rosa e azzurro del resto d’Italia, in cui i neonati chiamati come il santo patrono d’Italia sono i più numerosi da dodici anni a questa parte. E Messina è in linea.

All’anagrafe cittadina, a tallonare i neonati di nome Francesco, nel 2016, sono stati i 43 Andrea ed i 41 chiamati col sempreverde nome di Giuseppe, gettonatissimo a Messina ma non più troppo nel resto d’Italia, dove si piazza al dodicesimo posto nella classifica dei nomi preferiti (e anche Andrea, che a Messina è secondo, per gli italiani è sesto).

Incredibilmente, invece, il podio delle femminucce messinesi è uguale a quello italiano, per tutte e tre le posizioni. Solo, invertite: quarantaquattro neonate di nome Aurora, 31 Giulia e 29 Sofia, praticamente ribaltano la top three italiana, nella quale si piazza per primo il nome Sofia (che trionfa dal 2010), seguito da Aurora e Giulia.

Un’omologazione, quella dei nomi messinesi a quelli italiani, che non è nuova, anzi perdura negli anni, solo con leggeri rimescolamenti: tipo Andrea che ha superato Giuseppe rispetto al 2015, o Aurora e Sofia che si sono scambiate le posizioni che avevano due anni fa.

E i classici, sempreverdi, onnipresenti omaggi alla Sacra famiglia che hanno caratterizzato generazioni su generazioni? Scomparsi? No. A ulteriore testimonianza del fatto che Messina non è una città per giovani, c’è la classifica dei nomi più frequenti in anagrafe. E lì la tradizione non lascia scampo: vince, pure a mani basse, Giuseppe, che dà il nome a ben 9476 messinesi (probabilmente non più giovanissimi), con seconda posizione per Maria, in omaggio al nome della quale sono “intitolate” 7987 donne. E il terzo posto? Giovanni, presente in anagrafe 6120 volte. 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments