PALERMO. La Sicilia è la regione in cui l’aumento dei viaggiatori “su ferro” negli ultimi anni è stato tale da porla tra i primi territori d’Italia per percentuali di incremento. Lo ha spiegato l’assessore regionale ai trasporti Marco Falcone durante la cerimonia per la consegna di due dei 21 nuovi treni “Pop” per la flotta della Regione Siciliana.

«Quando ci siamo insediati il trasporto su rotaia in Sicilia era ritenuto marginale. Oggi abbiamo riportato il servizio alla normalità, con treni efficienti e linee che vengono ammodernate, un miglioramento che trova conferma nell’aumento dei viaggiatori che ci pone fra le prime Regioni d’Italia per percentuali di incremento. Il governo Musumeci intende continuare su questa strada, quella della cura del ferro che porta già i primi risultati ai siciliani», ha spiegato l’esponente della giunta di governo regionale.

«La svolta – ha proseguito Falcone – si realizza attraverso gli investimenti sul materiale rotabile, come i treni “Pop” e i sedici treni bimodali che arriveranno entro il 2023. Ma anche attraverso gli investimenti sulle infrastrutture, come i raddoppi della linea fra Palermo e Catania e fra Catania e Messina, passando inoltre per la riorganizzazione dei servizi offerti, così da avvicinarli sempre più alle esigenze dell’utenza. La “Taormina line” e il “Taormina link” sono in questo senso due validi esempi già apprezzati dai turisti e veicolo di valorizzazione del territorio».

Per facilitare la visita di alcune delle mete turistiche più apprezzate dell’isola, infatti, Trenitalia, di concerto con la Regione Siciliana, committente del servizio, ha messo a disposizione dei viaggiatori nuovi servizi. Tra le novità, il “Taormina link” che collega la stazione di Giardini a Taormina, grazie ai bus di Asm Taormina. Il servizio “Etna link”, invece, con servizi di Ferrovia Circumetnea, collega la stazione di Giarre-Riposto e Piano Provenzana, sulle pendici del vulcano.

Con il “Taormina Line”, inoltre, è stato potenziato il numero di collegamenti con Taormina grazie a 6 corse aggiuntive, nei giorni festivi, fra le stazioni di Catania Centrale e Letojanni con fermate ad Acireale, Giarre-Riposto e Taormina-Giardini.

Tra le conferme ci sono anche il “Cefalù Line”, che collega nei giorni festivi l’aeroporto internazionale “Falcone e Borsellino” di Punta Raisi e la città di Palermo a Cefalù, e il “Barocco Line” che durante i giorni festivi e fino al 10 ottobre collega Siracusa a Donnafugata per ammirare la bellezza di Fontane Bianche, Avola, Noto, Pozzallo, Scicli, Modica, Ragusa Ibla e Ragusa. 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments