MESSINA. Parte il progetto “DISERA – DIsinformation of SEniors in Rural Areas” a Tusa, dove nei giorni tra il 12 e il 13 gennaio si è tenuto il primo incontro progettuale. Il meeting ha rappresentato l’occasione per conoscere di persona i rappresentanti delle organizzazioni straniere coinvolte nel progetto. Durante le riunioni, i partner hanno potuto illustrare il loro ruolo spiegando le attività di loro competenza. Il progetto, coordinato da New Horizons (Italia), prevede la partecipazione di altri tre enti partner: EurAV European Audio Visual Company Limited by Guarantee (Irlanda), e European Cultutral Epicenter BITOLA (Macedonia del Nord) e CPM- Centrum prevencie mladeze (Slovacchia).

Finanziato dal programma Erasmus+, KA2 – Partenariati di piccola scala nel settore dell’educazione degli adulti, l’intervento intende migliorare l’alfabetizzazione mediatica degli adulti attraverso la sensibilizzazione sulla disinformazione, lo sviluppo di capacità sulle competenze digitali e la promozione del pensiero critico.

Nella giornata di giovedì 12 gennaio, i partners sono stati accolti presso la sala Consiliare dal Vicesindaco Angelo Tudisca e hanno potuto partecipar al semiario: “The Environment, Our Cultural Heritage and Learning Opportunities’, promosso da New Horizons in collaborazione con il Comune di Tusa, e che ha visto anche il coinvolgimento della comunità locale. Durante l’incontro, dopo un breve excursus storico sulla cittadina Alesina, si è parlato di promozione del patrimonio e sviluppo sostenibile. L’incontro è stata anche l’occasione per informare la comunità sulle opportunità formative promosse dai programmi europei e in particolare da Erasmus+ a partire proprio dal Corso di Formazione del progetto DISERA che si terrà a Bitola, Macedonia del Nord a fine maggio 2023, che vedrà la partecipazione di 22 discenti provenienti dai quattro paesi partner del progetto.

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments