MESSINA.  A pochi giorni dai festeggiamenti in onore del Patrono San Nicola, la via marina di Ganzirri e la foce del torrente Papardo sono piene di rifiuti di ogni tipo che hanno invaso tanto il manto stradale quanto l’arenile. A denunciare lo stato di degrado della zona è  Marcello Puglisi, che in una lettera indirizzata, fra gli altri, al sindaco Renato Accorinti, all’Asp e al prefetto Francesca Ferrandino chiede “disperatamente” un immediato intervento di bonifica dell’area per restituire la pulizia, il decoro e le condizioni igienico sanitarie “degne di un paese civile appartenente all’Unione Europea”.

 

«Facendo seguito alle numerose pregresse segnalazioni di intervento per il crescente stato di degrado cui è “condannata” la via marina di Ganzirri, nel tratto iniziale lato sud, e la foce del torrente Papardo – scrive il cittadino –  segnalo che la mano degli incivili/criminali si è fatta sempre più “pressante”, tanto da far registrare un vertiginoso accumulo di ogni tipo di rifiuto (inerti, imballaggi, ingombranti, ecc. ecc.). Considerato che la zona interessata non merita tanto disprezzo, mortificazione e sfregio, data la valenza paesaggistica, chiedo un immediato intervento di bonifica, ricordando, solo per completezza d’informazione, che la prossima settimana saranno celebrati a Ganzirri  i festeggiamenti in onore di San Nicola, che come noto prevedono la processione religiosa che si snoda lungo le vie del paese e alla quale parteciperanno residenti, simpatizzanti e turisti», conclude Puglisi, che allega alla nota le testimonianze fotografiche della discarica a cielo aperto.

 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments