RACALMUTO. L’eredità intellettuale e culturale di Leonardo Sciascia sarà discussa per un mese in giro per il mondo. Gli incontri, ospitati da alcune università e dagli istituti italiani di cultura all’estero, sono promossi dall’associazione Amici di Leonardo Sciascia e dal comitato nazionale presieduto da Emma Bonino e costituito per il centenario della nascita dello scrittore siciliano.

Il messaggio sciasciano caratterizzato dall’assenza di confini è al centro di dibattiti e presentazioni di libri, cominciati lo scorso 25 agosto a Edimburgo. Per iniziativa dell’Istituto italiano di cultura è stato organizzato un confronto attorno al libro di Joseph Farrell “Leonardo Sciascia. The Man and the Writer” al quale, oltre all’autore parteciperà Davide Messina, un italianista dell’università di Edimburgo. Un incontro analogo è stato il 26 agosto a Sidney e il prossimo 13 settembre al dipartimento di lingua e cultura italiane della Yale University di New Haven.

Le iniziative sulla memoria e sull’eredità di Sciascia culmineranno con due incontri a New York. Uno sarà ospitato il 20 settembre dalla libreria Rizzoli. L’altro si terrà nella sede dell’Istituto italiano di cultura di Park Avenue dove per due giorni, il 22 e il 23 settembre, si svolgerà il tredicesimo “Leonardo Sciascia colloquium“. Al centro del dibattito il mito americano e il mito mediterraneo nella visione dello scrittore di Racalmuto: cinque sessioni, tavole rotonde, videoclip e discussioni sul singolare e appassionato rapporto di Sciascia con la letteratura americana. Il tema sarà sviluppato da vari studiosi tra cui Joseph Farrell, Ann Goldstein, Valerio Cappozzo, Amara Laakhous, Antonio Monda, Valter Vecellio, Domenico Scarpa e altri.

 

Fonte Ansa

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments