MESSINA. La Regione corre ai ripari a fronte del nuovo aumento di casi di Coronavirus, ripianificando la rete ospedaliera in tutta la Sicilia e riattivando i padiglioni Covid. È quanto stabilito in una circolare dell’11 settembre firmata dall’assessore alla Salute Ruggero Razza. La nuova programmazione regionale prevede la realizzazione di reparti covid, separati ed autonomi rispetto alle normali attività assistenziali e la possibilità di espandere ulteriormente il numero dei posti letto nell’arco di 48 ore in caso di incremento significativo del trend dell’infezione tale da fare ipotizzare la totale occupazione degli stessi.

Tre i centri covid individuati a Messina, gli stessi individuati lo scorso 8 aprile, in pieno lockdown: il Policlinico (12 posti in terapia intensiva e 47 ordinari. Così la divisione ad oggi), il padiglione “Papardino”, che era stato dismesso come covid hospital con la decrescita dei casi (7 in subintensiva e 5 ordinari) e l’ospedale di Barcellona (10 posti in terapia intensiva e 60 ordinari).

La circolare prevede una gradualità nell’occupazione dei posti letto dedicati, in maniera da garantire che il ricovero avvenga a partire da una sola struttura. Al Papardino, infine, saranno adottati da metà ottobre ulteriori 16 posti letto di pneumologia.

Di seguito la distribuzione dei reparti Covid in Sicilia (che potrebbero subire delle modifiche, fatta eccezione per quelli di Messina, confermati):

 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments