MESSINA. Una decina di bollini rossi affissi sia sulle buste che sul portone di casa. Mentre l’immondizia si accumula e non viene ritirata “per motivi non chiari”. Protagonista della vicenda è Renato Ciraolo del Circolo Pickwick, immortalato mesi addietro in un controverso filmato postato sui social dal sindaco Cateno De Luca. mentre veniva pedinato da qualcuno che lo filmava, e successivamente multato ” domicilio” da agenti della municipale per aver gettato rifiuti (differenziandoli) a villa Dante, dato che a casa sua non venivano ritirati.

A distanza di due mesi, la situazione non è cambiata. A spiegare i fatti, in due video, è lo stesso libraio, che da tempo lamenta il mancato prelievo della differenziata, ritenuta dagli operatori di Messina Servizi “non conforme alle corrette modalità di conferimento“, con tanto di bollini rosse ormai collezionati, senza che a ciò sia mai seguita una sanzione, spiega. «Non mi mollano, non so perché e non so cosa vogliono da me. Si sta configurando una sorta di intimidazione», commenta, annunciando di volersi rivolgere alle forze dell’ordine.

La questione ha dei precedenti. Già a novembre, dopo gli “scontri” a Piazza del Popolo, Ciraolo aveva accusato MessinaServizi di non svolgere correttamente il proprio dovere da quando era stato ripreso con un video mentre gettava un sacchetto dell’immondizia all’interno di un cestino a villa Dante (qui il link). L’uomo aveva deciso quindi di scrivere un esposto all’azienda dopo aver teso una “trappola” ai dipendenti della stessa, registrando dei filmati per dimostrare come il bollino rosso fosse stato posto, a suo dire, senza criterio. Uno dei filmati mostrava come il simbolo di non conformità dei rifiuti fosse stato addirittura affisso su un bidoncino vuoto.

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments