MESSINA. Una serie screenshot, tratti dalla pagina facebook “Cateno De Luca Sindaco di Messina” per smentire le affermazioni dell’assessore Dafne Musolino, che ieri, nel corso di una diretta, è tornata sul tema dei blitz anti-prostituzione da parte della Polizia Municipale: uno degli argomenti affrontati dall’esponente della Giunta nel corso del suo incontro con il procuratore Maurizio De Lucia. A inviarle alla stampa, stamani, è il coordinamento del gruppo “Stop Misoginia”, che già nel 2019 era intervenuto sulla questione con una lettera sottoscritta da 91 firmatarie.

In base a quanto riferito da Dafne Musolino nel video postato ieri, né De Luca né l’assessore con delega alla Municipale avrebbero mai detto al commissario Giovanni Giardina di svolgere tale attività («Di tutto ciò che viene fatto nei momenti operativi risponde chi lo fa»). Posizione ribadita nella nota ufficiale inviata al procuratore della Repubblica, nella quale viene specificato che “La scrivente non ha alcuna conoscenza specifica delle modalità con le quali viene concretamente svolta l’attività da parte degli Agenti ed Ufficiali in servizio presso la sezione operativa di polizia giudiziaria della Polizia Municipale di Messina, restando in capo agli stessi la totale autonomia di azione e la relativa responsabilità per gli atti e le attività svolte“.

Una versione che secondo le coordinatrici del gruppo stride con la ricostruzione dei fatti riportata sui social dal sindaco (di seguito gli screenshot).

 

 

 

 

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] del Sindaco Cateno De Luca, fra assessori e componenti delle società partecipate. Il riferimento è a un comunicato inviato inviato ieri alla stampa dal gruppo “Stop misoginia&#…, intervenuto in merito alle recenti dichiarazioni dell’assessore Dafne Musolino […]