MESSINA. Nella mattinata di sabato, il personale della Squadra Volanti della Questura di Messina è intervenuto in seguito alla richiesta di una donna, che diceva di essere stata aggredita dal figlio. Giunti sul posto, in una zona periferica di Messina, i poliziotti hanno appreso che l’aggressore, messinese di 31 anni, aveva stretto le mani attorno al collo della madre mentre la stessa dormiva, approfittando della sua condizione completamente inerte e, una volta che la donna era riuscita a svincolarsi dalla morsa, aveva ricevuto insulti e minacce di morte. Dalla ricostruzione dei fatti effettuata dai poliziotti, è emerso che il figlio, assuntore di sostanze stupefacenti e si alcool, già in passato si era mostrato violento, ma la madre non aveva mai trovato il coraggio di denunciare. Inoltre, l’uomo, alla vista degli agenti della Polizia, ha mostrato una marcata aggressività anche nei loro confronti.

Pertanto, il trentunenne, ora denunciato, è stato arrestato in flagranza per i reati di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale e si è proceduto al suo trasferimento presso la Casa Circondariale di Gazzi, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments