Sbaraccamento, De Luca: «Entro cinque anni chiudiamo questa vergognosa storia»

«Grazie all’impegno del Presidente Musumeci il risanamento sta continuando senza sosta», commenta il primo cittadino, che annuncia l'arrivo di 14 milioni di euro per l'acquisto di alloggi e attacca i suoi predecessori: «Vera idiozia politica e amministrativa»

MESSINA. «Nei prossimi cinque anni, grazie al Governo Musumeci, si chiuderà la stagione delle baracche, eliminando una storia vergognosa che ha sempre caratterizzato il senso di rassegnazione dei messinesi». Parole del sindaco di Messina Cateno De Luca, che interviene nuovamente sul tema risanamento, una battaglia intrapresa già nei primi mesi dopo il suo insediamento, quando annunciò in pompa magna l’imminente sbaraccamento delle sette aree oggetto d’intervento (previsto entro il 31 dicembre del 2018).

«Grazie all’impegno del Presidente Musumeci e dell’Assessore regionale alle infrastrutture Marco Falcone – commenta il sindaco – il risanamento delle zone baraccate della città di Messina sta continuando senza sosta. Ieri abbiamo sbloccato i primi 14 milioni di euro e nelle prossime settimane, grazie alla indiscutibile competenza del direttore generale, Fulvio Bellomo, e dei suoi funzionari, saranno sbloccati circa 25 milioni di euro».

Poi l’affondo contro i suoi predecessori: «Purtroppo le precedenti Amministrazioni comunali non hanno impedito che le risorse assegnate alla città di Messina con la legge 10/90, oltre 260 milioni di euro, venissero eliminate sia per mancanza di spesa che per vera idiozia politica e amministrativa».

 

Lascia un commento

avatar
400