Riparte la quarta edizione del “Giro dei due mari con Marzia”. Primo giorno

Da Castanea a Francavilla, con tappe nei comuni di Scaletta Zanclea, Santa Teresa di Riva, Letojanni e Taormina. Percorsi i primi 100 km dalla manifestazione cicloturistica che ha come scopo l'abbattimento delle barriere architettoniche e mentali

 

Di Andrea Denaro

MESSINA. Percorsi 100  km su 300. Si conclude a Francavilla la prima tappa del “Giro dei due mari con Marzia”, la manifestazione cicloturistica ispirata a Marzia Raineri, e organizzata dall’ “Asd cicloturistica” di Castanea di Santino Caprì, che attraverserà in tre giorni la provincia di Messina per abbattere le barriere architettoniche e mentali che emarginano i disabili.

Partenza alle 8:30 da Castanea. Foto di rito davanti alla sede dell’ “Asd Cicloturistica”, casa del gruppo, e via verso la prima tappa al centro neurolesi “Bonino Pulejo”, dove ad attendere Marzia e la sua bici speciale, costruita dal papà Gianni, vi era il professore Dino Bramanti che ha ringraziato i ciclisti annunciando qualche piccola novità del centro, come “Carmen”, una macchina costata ben 1.200.000 euro, unica in Europa, che permette di valutare e potenziare le abilità residue ed eventuali disabilità fornendo un correttivo e una palestra che stanno aprendo presso i locali dell’Asp di Marsala.

“Io sono uno sportivo e se non c’è lo sport nella nostra vita allora vuol dire che manca qualcosa”, ha affermato, anticipando anche le numerose attività che stanno avviando in tutta la Sicilia per permettere anche ai disabili di fare sport.

Ma la domanda più significativa la pone Salvo Campanella, ciclista in handbike insieme a Giuseppe La Rosa: “Perché l’unico centro di riabilitazione con gli esoscheletri è qui a Messina?”. Salvo, infatti, ha di recente acquistato questo strumento che i meno abbienti non possono permettersi con facilità. “Il nostro esoscheletro costa 380.000 euro – ha risposto Bramanti – e lo abbiamo qua perché questa è la sede centrale, ma abbiamo già pensato di acquistarne un altro per lasciarlo nella sede di Trapani”. A queste parole, Salvo ha annunciato la prima barriera abbattuta della manifestazione. Foto con il professore, il suo staff e i ciclisti e via verso Piazza Duomo, per la partenza ufficiale con i saluti dell’assessore allo sport del comune di Messina, Giuseppe Scattareggia, della madrina del giro, Silvana Paratore, del commissario capo della polizia, Giuseppe Puglionisi, e del “Centro servizi per il volontariato”.

Successivamente, passaggio dall’Università per i saluti del rettore Salvatore Cuzzocrea, che proprio ieri ha voluto organizzare un convegno in occasione della partenza di oggi, e da “Itollerando” e dalla “Formula 3”, entrambi sponsor dell’evento, per un rinfresco.

Ore 12: Messina è alle spalle. Adesso si percorrerà la SS114 verso l’inaugurazione di una passerella e di una sedia Job che permetterà ai diversamente abili di potersi immergere nel mare di Scaletta Zanclea. “Il ‘Giro dei due mari con Marzia’ è in linea con la cultura politica della nostra amministrazione, rivolta alle fasce più deboli – ha spiegato il sindaco Gianfranco Moschella – L’abbattimento delle barriere architettoniche non è solo un obbligo imposto dalla legge, ma è soprattutto un dovere morale”.

Ad attendere i ciclisti a Scaletta Zanclea, inoltre, gli assessori Annalisa Cordaro e Giuseppe Meola, i consiglieri comunali, la Protezione civile, la Pro loco e i bambini della scuola primaria e secondaria dell’ “I.C. Alì Terme” che, insieme ai docenti e alla dirigente Rosita Alberti, hanno preparato uno spettacolo musicale di benvenuto a Marzia.

Si prosegue lungo la costa ionica, con tappa a Santa Teresa di Riva che di recente ha avuto il riconoscimento della Bandiera Lilla in quanto comune privo di barriere architettoniche. Qui, presenti il sindaco Danilo Lo Giudice, gli assessori Annalisa Miano, Ernesto Sigillo e Domenico Trimarchi, i consiglieri comunali e il presidente della Bandiera Lilla Roberto Bazzano che, insieme alla vicepresidente Giovanna Savio, hanno nominato Marzia ambasciatrice della Bandiera.

Alle 15:30, il gruppo è arrivato a Letojanni, tappa ormai fissa dei ciclisti e dove ogni anno il comune si adopera per l’abbattimento di una barriera architettonica. Per la quarta edizione, l’amministrazione rappresentata dal vicesindaco Antonio Riccobene e dagli assessori Carmelo Lombardo e Teresa Adamo, insieme ai consiglieri comunali, al Centro servizi di volontariato e al gruppo donatori di sangue “Fratres”, ha ricostruito un marciapiede rendendolo a norma e affiggendo una mattonella con incisa la data di oggi e “Giro dei due mari con Marzia”. Sempre a Letojanni si è tenuto il pranzo.

Il pomeriggio il gruppo di Marzia lo ha trascorso a Taormina, attraversando il corso principale e inaugurando, insieme al sindaco Mario Bolognari, al dirigente del commissariato Fabio Ettaro e al comandate della Polizia municipale Agostino Pappalardo, la piattaforma e l’ascensore adibiti per permettere anche ai disabili l’accesso alla struttura comunale. Ma prima, la carovana si è rinfrescata con una granita offerta da “Licchio’s”, sponsor della manifestazione.

Alle 21, arrivo a Francavilla dove, dopo ai saluti del sindaco Vincenzo Pulizzi, del vicesindaco Carmelo Magaraci e dei consiglieri comunali, il gruppo ha pernottato presso l’hotel “D’Orange D’Alcantara”.

A scortare il gruppo durante tutta la giornata, le “Motostaffette Sicilia”, con Totò Lapunzina, Denny Salvato e Pietro Chiappara, la “Misericordia” di Spadafora, con Emanuele Nastasi, Lea Cannistrà e Veronica Pagano, il direttore di gara Pietro Torre, il fotografo Massimiliano Milazzo e il cameraman Salvatore Barbera.

Lascia un commento

avatar
400