Elezioni universitarie, i candidati agli organi superiori

Senato accademico, Consiglio d'amministrazione, Csasu., Ersu e Cnsu. 22160 studenti, 274 dottorandi e assegnisti di ricerca e 708 specializzandi alle urne il 14 e il 15 maggio

 

MESSINA. Tredici studenti candidati al Senato accademico (dieci studenti, un dottorando e due specializzandi), sei al Consiglio d’Amministrazione, quattro al Comitato Sovrintendente alle Attività Sportive Universitarie (Csasu), sette all’Ente regionale studenti universitari (Ersu) e una al Consiglio nazionale degli studenti universitari (Cnsu). Questi i numeri che porteranno i 22160 studenti, 274 dottorandi e assegnisti di ricerca e 708 specializzandi a votare per gli organi superiori il 14 e il 15 maggio alle elezioni universitarie.

Due le coalizioni che si contenderanno i seggi, “Maestrale” e “O.R.U.M.”, composte da otto e sei associazioni: “Orione”, “Atreju” (che fa riferimento all’ex senatore uscente Andrea Fiore), “UniXme” (retta da Andrea Faraone), “Chirone” (guidata dall’ex rappresentante allo C.S.A.S.U. Simone Coletta), “Sud” (legata al deputato regionale Luigi Genovese), “Fare per cambiare”, “Figli di Ippocrate” (guidata da Federico Alati e Giovanni Genovese) e “Unidea”, per quanto riguarda la prima lista; “Morgana” (che fa riferimento al consigliere del IV quartiere Alberto De Luca), “Gea universitas” (guidata dal presidente della V circoscrizione Ivan Cutè), “Nettuno” (di Totò Iacopino), “Credito accademico” (legata al consigliere comunale Dario Zante e al presidente del consiglio comunale di Castroreale Peppe Mandanici), “Must” (la neo associazione di Massimo Parisi, segretario dei Giovani democratici) e “Antares”, all’interno di “O.R.U.M.”.

Cinque a lista i candidati che concorrono al Senato accademico, e altrettanti i seggi disponibili: Alberto Baldone (“Orione”), Calogero Collura (“Figli di Ippocrate”), Armando Falliti (“Atreju”), Emanuele Faraone (“UniXme”), Ludovico Irrera (“Chirone”), Ouahib Droussi (“Antares”), Roberta Milo (dell’associazione da cui prende il nome la lista, “Orum”), Andrea Muscarà (“Morgana”), Antonio Sebastiano Restifo (“Must”) e Alessandra Torre (“Credito accademico”).

Al Consiglio d’amministrazione, che avrà due seggi disponibili, “Maestrale” ha presentato due studenti di infermieristica, Vera Gregoli e Daniele Masano, mentre “O.R.U.M.” ha candidato i quattro studenti Barbara Billè, Salvatore Marchiafava, Eleonora Taranto e Giovanni Veneziano Broccia.

Allo C.S.A.S.U. si ripresenta Ludovico Irrera di “Chirone”, insieme a Mariangela Manto, per la lista “Maestrale”, e di nuovo Roberta Milo, con Eleonora Taranto, per “O.R.U.M.”, ma anche qui sono solo due i seggi.

Da quest’anno sarà possibile, inoltre, votare al Consiglio dell’E.R.S.U., per cui si sono candidati ad occupare i tre posti disponibili Kevin Bonasera, Gabriele Lauricella e Cosimo Sgambelluri per “Maestrale” e Alberto Armone, Teodoro Pietro Di Certo, Manuele Davide Morabito e Giuseppe Tancredi Patanè per “O.R.U.M.”, e al Consiglio del CNSU, per cui unica candidata è Alessandra Rundo Sotera di “Morgana” che dovrà però competere con i candidati degli altri atenei per un seggio su ventotto in tutta Italia.

Candidati al Senato accademico, inoltre, il dottorando Luigi Cardia e i due specializzandi Domenico Buscetti e Letterio Malgeri, in quanto l’organo prevede anche un rappresentante dei dottorandi di ricerca e degli assegnisti e un rappresentante degli specializzandi.

Lascia un commento

avatar
400